U cori, sarà più grande

Versione stampabileVersione stampabile

U cori a ghesada lasicilia.it
La giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo redatto dal geom. Luigi Lo Presti dell’Ufficio tecnico per ampliare piazza Giovanni XXIII che i misterbianchesi appellano come "U cori a ghesa", cioè il cuore della chiesa madre che vi si affaccia assieme al palazzo del Senato, sede storica del Comune e luogo di riunione del consiglio comunale. L’ampliamento comprenderà il tratto di via Municipio tra via Giordano Bruno e via Fratelli Cairoli e il prolungamento di via Giordano Bruno dall’attuale piazza fino al Palazzo del Senato.
In tutto saranno 1.900 metri quadri che diventeranno una grande isola pedonale per sempre, estendendo l’attuale pavimentazione del sagrato della chiesa fino agli attuali marciapiedi, inglobando l’aiuola esistente davanti il teatro comunale.

Il progetto prevede oltre alla pavimentazione anche l’ampliamento dell’impianto di illuminazione e l’eliminazione di una palma che sarà sistemata in piazza Pertini dove purtroppo a causa del punteruolo rosso, qualche pianta è venuta a mancare. La piazza fino agli anni Ottanta era solamente una piccola parte di quella esistente oggi; poi ampliata e ripavimentata è diventata punto d’incontro per giovani e grandi durante tutte le ore del giorno e luogo tenuto in grande considerazione da parte della popolazione perché vi si affacciano le due più antiche istituzioni, la chiesa e il Comune, ricostruiti dopo l’eruzione del marzo del 1669 che distrusse l’antico Comune. "Definiamo - ha detto il sindaco Ninella Caruso - un’isola pedonale in cui i cittadini potranno passeggiare indisturbati e godere di una delle piazze più belle, cuore pulsante del centro storico e tradizionalmente il punto di riferimento dei nostri antenati. La chiusura al traffico della zona sarà un incentivo per valorizzare il patrimonio architettonico del territorio". Il costo dell’opera è di quasi 110 mila euro e i lavori dovrebbero essere avviati subito per essere pronti prima dei festeggiamenti padronali di fine luglio.

 

 


LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

 

 

tags: