Su la maschera

Versione stampabileVersione stampabile

Marcello Russo

Grazie Assessore, ma quanto scrive?
Sembrerebbe quasi affetto da graforrea! Devo dare atto che il suo bisogno di scrivere è più incoercibile del suo bisogno di parlare. In consiglio comunale, infatti, ha avuto l'occasione di manifestare la sua opinione con la possibilità di eventuale verifica e contraddittorio, eppure, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Mah !!!!

Anche a me piace scrivere ma, altrettanto parlare. Nel post si lascia andare in tortuose insinuazioni ed artificiose accuse. "Come è pesante la conversazione con la gente leggera!", esclamava Roberto Gervaso nel " Grillo Parlante ", del 1983. Non si affanni tanto ad autolodarsi. Tutti abbiamo a cuore il Carnevale misterbianchese e tutti desideriamo offrire ad esso il giusto lustro e la visibilità che merita. Non convergiamo soltanto sulla modalità di azione. Il fatto è che la minoranza, nell' interesse del medesimo Carnevale di Misterbianco, vuole che ciò avvenga nella legalità. Mi auguro che lei, pur non volendo intervenire nella sede istituzionale a ció preposta (consiglio comunale), quantomeno abbia ascoltato la domanda fatta al segretario comunale, se ben rammenta, domandai delucidazioni sulle ragioni per le quali precedentemente il consiglio non era stato convocato al fine di deliberare sul protocollo d'intesa.

Avrà, di certo, contezza della esaustiva risposta fornitami dal mio autorevole interlocutore!. L'attuale amministrazione, dovrebbe focalizzare l'attenzione su siffatte priorità normative, piuttosto che sprecare energie in manifesti e post . Ma d'altronde queste sono sciocchezze per questa amministrazione “ trasparente”, l’importante che si facciano i manifesti e i post. Assessore quando avrà finito di fluttuare tra le sue arzigogolate argomentazioni si legga il regolamento del funzionamento del consiglio comunale, nello specifico legga l’art. 10 “ conferenza dei capi gruppo” a pagina 5, per intenderci è quella convocata dal Presidente del Consiglio in cui sono stati invitati a partecipare i rappresentanti dei gruppi del carnevale. Se lo avesse letto, si sarebbe reso conto che lei non è tenuto a essere convocato ” E’ un atto che interessa esclusivamente l’organo consultivo del consiglio comunale . D’altronde non mi consta che i consiglieri partecipino alle riunioni di giunta. Lei stesso dice che unitamente al sindaco ha incontrato i rappresentanti dei gruppi, ha forse invitato i consiglieri capi gruppo dei partiti e dei movimenti politici rappresentati in consiglio comunale?

Ovviamente NO. Ne noi lo pretendiamo, lo conosciamo bene il regolamento. In merito alle falsità , le rispondo che i gruppi di carnevale sebbene si vestono in maschera nel periodo carnevalesco è altrettanto vero che “ sanno portare i pantaloni” , innvito quindi il signor Paolo Bruno, presente alla conferenza dei capi gruppo, che ha parlato nella qualità di “ portavoce” delegato dai gruppi, ed è stato colui che mi ha fornito la risposta, da me fedelmente riportata nel post, a riferire se ho scritto una falsità . In merito ai dettagli degli articoli da lei citati, lascero’ rispondere al collega Matteo Marchese qualora questi lo ritenesse opportuno. Sarà lui a dimostrare a tutti, che lei sta facendo confusione, che comunque giustifico, poichè comprendo che è difficile tra temporali, black out di luce , alluvioni, frane e ricorrenze varie, ricercare il regolamento giusto, visto che ne sono stati approntati dall’amministrazione ben 5. Come faccio ad essere così semplice e diretto ? Per gravità , la " pesantezza " , mi permette di restare vicino alla crosta terrestre. In siffatto modo, con i piedi ben saldati alla terra ho l'opportunità di scorgere problematiche che chi è " leggero" non riesce, suo malgrado a percepire.

Il Consigliere Comunale
Dott. Marcello Russo

tags: 

Commenti

Carnevale si...carnevale no.

Carnevale si... carnevale no. È stata una battaglia difficile e tortuosa. Adesso apprendo che sfileranno solo costumi e non i carri perché il tempo è troppo breve per poterne organizzare le strutture. Il mio pensiero sulle famose sfilate è arcinoto agli addetti ai lavori anche perché ogni anno si assiste sempre alle immagini delle stesse figure allegoriche ed i vestiti scintillanti più o meno si ripetono e si fanno sforzi enormi per poterne distinguere le diversità. Tutto è diventato monotono e triste (almeno per chi assiste dall'esterno) e ogni anno sempre meno persone vengono a vedere lo spettacolo anche perché ormai molti paesini hanno imitato la nostra manifestazione. Un altro motivo che mi vede contrario alla manifestazione è il fatto che si sta attraversando un periodo di crisi spaventosa, specie al sud, e sperperare denaro mi sembra poco opportuno. E poi, scusate, con l'atmosfera che si respira in medio-oriente e in Europa non pensate che le condizioni al contorno debbano fare riflettere sull'opportonità o meno di stare assemblati?

Enzo Messina

Pagine