Sogno o son desto?!

Versione stampabileVersione stampabile

ASD Citta' di Misterbianco Dopo due anni il Città di Misterbianco ritorna a Militello per giocarsi una Finale Play Off. Due anni fà si concluse con la vittoria dei locali per 7 a 5 e negli incontri a seguire durante la regular season non è stato certo un campo fortunato per i ragazzi di Misterbianco, mai una vittoria. Anzi a volerla dire tutta quest'anno il Città di Militello è stata l'unica compagine durante il campionato capace di sconfiggere il Città di Misterbianco durante entrambe le gare, dentro e fuori casa. I pronostici la dicevano lunga, tutto a favore dei padroni di casa che forse inconsciamente credevano di poter passare il turno un pò troppo facilmente, supportati da un pubblico sicuramente caldo ma a tratti un pò rude ed aggressivo. Indubbiamente un posto dove vincere è sicuramente difficile, ma chi ci riesce è perchè sa come si fa!

Si trattava della partita decisiva, dentro o fuori, dove contano, oltre alle qualità tecniche e tattiche, la motivazione, il cuore, la grinta, la voglia di dimostrare ciò che gli altri non credono. E non importa se la stessa squadra nelle partite precedenti ti ha fatto 20/30 goal, quel che importa è quella partita, solo quella partita. Quel che importa è che tu faccia anche solo un goal in più rispetto all'avversario durante quella partita, perchè è la partita che conta. E quando ci sono incontri di questo tipo le statistiche lasciano il tempo che trovano, anche se proprio quest'ultime possono condizionare emotivamente i ragazzi, ma in quel caso interviene il mister che come un asso nella manica decide di modificarle per rassicurare i suoi e fargli capire che quel che conta è il campo in quel giorno, tutto il resto è "fuffa".

La gara inizia con un'intensa fase di studio per buoni 5 minuti, durante i quali le due compagini prendono le distanze le une dalle altre con un Città di Misterbianco guardingo nei confronti dei padroni di casa capaci di aggredire in qualsiasi momento supportati da un tifo che in alcune circostanze fa la differenza, nel bene e nel male. Ma ad andare in vantaggio e a gridare al goal non sono i locali bensì i ragazzi di Mister Russo che grazie ad una giocata magistrale di Tenerello insacca il pallone dietro le spalle del portiere e sblocca il risultato. Dopo pochi minuti lo stesso Tenerello ha la freddezza di recuperare palla in attacco alzare la testa e mettere in mezzo per il rimorchio di Contarini che raddoppia facilmente a porta vuota. Due a zero e palla al centro. Cala il silenzio nel palazzetto di Militello. Partenza inaspettata, per i tifosi e per la squadra locale, che fa innalzare il nervosismo: fioccano cartellini gialli da una parte e dall'altra. A 5 minuti dalla fine Contarini posiziona il pallone sul dischetto del tiro libero potendo sfruttare l'opportunità di allungare prima di andare al riposo, ma sbaglia e tira a lato. Sull'azione successiva il Città di Misterbianco resta in 4 per qualche minuto dopo l'espulsione per doppio giallo nei confronti di Musumeci, discutibile la scelta del direttore di gara, ma non stiamo qui a recriminare nulla. I ragazzi del presidente Scuderi resistono all'arrembaggio avversario ma poi un goal rocambolesco direttamente dal tiro di calcio d'angolo permette ai locali di accorciare le distanze e andare al riposo sul 1 - 2.

Rientrano in campo le due squadre con un Città di Militello rigenerato e voglioso di esprimere il suo calcio davanti ai propri supporter e per una buona parte del secondo tempo ci riesce, capovolgendo il risultato e siglando 3 reti di fila portandosi così sul 4 a 2 a cinque minuti dalla fine della partita. Risultato che sorride ai locali che quasi ipotecano il passaggio al triangolare finale e il pubblico inizia a festeggiare, forse in maniera un pò prematura. Ma nel calcio a 5 il minimo scarto lascia la porta aperta ad ogni risultato e tutto può succedere in pochissimi minuti. Il Città di Misterbianco rialza la testa, non si arrende e prova ad avanzare, le tenta tutte per cercare di riaprire la partita e grazie ad un buon fraseggio riapre la partita con Torrisi F. il quale raccoglie la palla da dentro la rete e la riposiziona sul dischetto del centro campo per continuare a crederci. Sfortunatamente arriva il fischio dell'arbitro per segnare un fallo in favore dei locali che si portano così sul dischetto del tiro libero, ma non sono cinici e bravi a capitalizzare, il pallone si infrange sul palo e tiene in vita le speranze degli ospiti. Passano nemmeno 30 secondi e l'omonimo Torrisi A. questa volta trova la giocata e insacca alle spalle del portiere per la rete del pareggio. Adesso tutti ci credono, il pareggio porterebbe ai supplementari e infine premierebbe i locali per un miglior piazzamento in classifica e quindi bisogna tentare il tutto per tutto. Il cronometro segna 1:30 minuti alla fine e succede l'impensabile: fallo di Contarini a centro campo, doppio giallo ed espulsione (la seconda della giornata) e conseguente tiro dal dischetto per i locali, ennesima possibilità di chiudere la partita, ma sta volta ci mette una pezza Reina che riesce a neutralizzare il tiro avversario. Il Città di Misterbianco deve stringere i denti per un minuto in inferiorità numerica e provare ad approdare ai tempi supplementari per recuperare la parità numerica, ma proprio in quel momento a 20 secondi dalla fine con un uomo in meno accade ciò che non potevi mai credere, ripartenza della coppia Torrisi F. - Torrisi A., la palla arriva sui piedi del primo che riesce ad anticipare l'uscita del portiere, la palla rotola lentamente passa sotto le gambe dell'estremo difensore locale e si insacca per il goal del 4 - 5 per i ragazzi di Misterbianco. Delirio tra i ragazzi, silenzio gelido tra gli spalti, solo qualche decina di supporter venuti da Misterbianco gridano all'impazzata verso i propri beniamini. Adesso è possibile l'impresa, mancano 10 secondi, palla al centro il Militello prova l'ultima azione alla ricerca del pareggio ma i direttori di gara sanciscono la fine della gara con un triplice fischio che anticipa il grido di gioia dei ragazzi di Misterbianco che in questo modo riescono ad approdare al triangolare finale per l'accesso alla serie superiore. Nessuno da fuori avrebbe scommesso sul passaggio dei ragazzi di mister Russo e questo rende la vittoria ancora più saporita, perchè in questi casi si dimostra la vera forza di una squadra compatta e vogliosa di dimostrare il proprio valore. Non si è mai arreso nessuno, tutti compatti e pronti a rialzare la testa anche quando si pensava che ormai, sul passivo di 4 a 2, la partita era persa.

Un grande scoglio è stato superato, ma ancora il cammino è lungo per poter gridare alla promozione. Adesso giorno 18 Aprile il Città di Misterbianco affronterà, fuori casa, il Camaleonte Battiati, vincitrice dei Play Off del girone B e in base al risultato finale si saprà quando si giocherà contro lo Sporting Viagrande altra pretendente alla promozione in C2.
Adesso è il momento più difficile, il momento in cui bisogna stare uniti e dare il massimo per inseguire un sogno!!

tags: