Senza stipendio i lavoratori degli asili nido e spazi gioco. L'assessore Parrinello: "Una situazione insostenibile"

Versione stampabileVersione stampabile

Comune di MisterbiancoCOMUNICATO STAMPA del 28 ottobre 2017
“Una situazione insostenibile.” Sono le parole dell'assessore ai Servizi sociali del comune Aldo Parrinello dopo l'ennesimo incontro con il comune di Catania per cercare di normalizzare la vicenda degli stipendi dei lavoratori dell'asilo nido e degli spazi gioco che non prendono lo stipendio da sette mesi.

“Non è possibile che ancora una volta – dichiara l'assessore Parrinello - si faccia un passo avanti e tre indietro e non certamente per colpa nostra, dal momento che il comune capo fila del distretto è Catania ed è compito loro provvedere al rendiconto ed al pagamento delle spettanze alle cooperative che dopo provvedono all'erogazione degli stipendi.”

Dopo la crisi della scorsa primavera, che poi aveva portato ad una prima liquidazione di arretrati, i lavoratori avanzano ad oggi dalle sette alle dieci mensilità a seconda dei servizi svolti, con le problematiche familiari, facilmente immaginabili.

“La cosa più assurda – continua Parrinello - è che in settimana ho conoscenza, senza essere stato preventivamente invitato, di una riunione al comune di Catania sul problema degli arretrati ed intervenendo mi vedo additato come un intruso, quando il comune di Misterbianco è parte integrante del distretto assieme al comune di Motta S. Anastasia. E' ora che si riveda la norma perché una comunità di 50.000 abitanti non può dipendere dalle responsabilità di altri ed i lavoratori vanno pagati ed il servizio assicurato.”

La vicenda va avanti da anni, da quando i fondi Pac dello Stato vengono gestiti dai distretti disegnati dalla regione Siciliana.
“Conclusa la campagna elettorale la prossima settimana – conclude l'assessore Parrinello - ci attiveremo da subito affinché la materia venga regolamentata diversamente ed ogni ente si renda responsabile dei propri adempimenti.”

Ufficio stampa
Carmelo Santonocito

tags: