Precisazioni di Carmelo Santonocito sull'ufficio stampa del Comune

Versione stampabileVersione stampabile

Ufficio StampaPiù volte in passato mi è capitato di leggere idee, progetti, proposte, posizioni su vicende che riguardano il comune sia sui blog che sui social e spesso per il ruolo che svolgo, mi sono astenuto dal commentare non volendo sembrare di parte per la posizione che occupo, ma questa volta mi vedo tirato per i capelli dall’intervento di Vincenzo Arena, che esprimendo la sua opinione sul “bilancio partecipativo” tira in ballo un comunicato stampa, non è la prima volta per la verità, esprimendo una sua opinione legittima e nel contempo critica l’amministrazione che si è affidata “ai leziosi quanto illusivi comunicati celebrativi dell’ufficio stampa”.

Desidererei precisare alcune cose.
L’Ufficio stampa nella redazione dei suoi comunicati è autonoma ed indipendente.
Non solo quella del Comune di Misterbianco, perché la funzione del giornalista è autonoma, ma anche gli uffici di altri enti.

L’ufficio fornisce informazioni al pubblico, senza entrare nel merito e le fornisce, come sempre è avvenuto, senza mai sottoporle all’organo politico prima della pubblicazione.

Tutto ciò fa parte della deontologia professionale del giornalista che non è un esecutore di volontà o un opinionista, ma un professionista al servizio dell’informazione.

Potrà stupirvi tutto ciò, ma è la realtà anche con un sindaco che porta il nome di Nino Di Guardo che ha solo l’interesse e la frenesia, telefonandomi anche più volte in un giorno, di sapere se il comunicato è stato pubblicato, quanti siano stati raggiunti su Facebook, quanti lo hanno condiviso o se si tratta di un video, quanti lo hanno visto.

Quando il sindaco invece esprime le sue opinioni con un post, ma nella veste di sindaco, allora questa sua opinione viene pubblicata con la premessa “intervento del sindaco” ed in calce la sua firma.
Queste sono le regole non solo per l’ufficio stampa di Misterbianco, ma, ripeto, di tutti gli uffici stampa degli enti.
Poi leggo le parole “Lezioso”, “Allusivo” e “Celebrativo”.

Allora vado a rileggere i due comunicati che riportano in modo stringato le notizie ed il procedimento seguito dagli uffici per comprendere se ci sia stata qualche sbavatura.
Ritengo di no.

Ma si tratta della mia personale opinione e siccome dal vocabolario della lingua italiana della Treccani alla parola “lezioso” si specifica: “Di persona che parla (o si esprime, anche nello scritto, o in altra forma o manifestazione d’arte), o gestisce, si muove, si comporta in modo affettato e svenevole, con una grazia esagerata e innaturale, che riesce perciò inopportuna e fastidiosa.” certamente il sig. Arena, conoscendo i suoi scritti, facendo velocemente scivolare le dita sulla tastiera del suo computer avrà utilizzato un termine non appropriato a quanto riportato dal comunicato, così come gli sarà scivolato il termine “Celebrativo” o “Allusivo”.
Va bene, può capitare a tutti.

Carmelo Santonocito
Ufficio stampa Comune di Misterbianco

Link 1° comunicato stampa:

Link 2° comunicato stampa:

tags: