Misterbianco, rubati tre tombini nella strada aperta sette giorni fa

Versione stampabileVersione stampabile

Strada via Romeoda lasicilia.it
E’ stata inaugurata appena una settimana
fa la via Romero e subito sono
entrati in azione i ladri che hanno
asportato i tombini in ghisa a protezione
dell’impianto elettrico realizzato
sull’intera arteria.
Purtroppo non è la prima volta che
sul territorio accadono simili atti, ma
la recente inaugurazione pone in risalto
un fenomeno che con il passare
degli anni è in aumento, soprattutto a
danno di strutture pubbliche, dove il
danno ricade sull’intera comunità del
paese.
Il furto dei tombini in ghisa è il più
importante in quanto mette a repentaglio
la sicurezza dei cittadini, lasciano
priva di alcuna protezione l’impianto
elettrico, ma non è l’unico furto
registrato in questi giorni di festività.

I ladri sono entrati in funzione per
rubare i pluviali in rame del ristrutturato
stabilimento Monaco inaugurato
lo scorso settembre ed anche alcune
inferriate a protezione degli alberi in
via Matteotti, proprio davanti l’ufficio
postale dove i cittadini di buon mattino
hanno potuto rilevare la mancanza.
"Ci troviamo davanti ad un vero e
proprio assalto al bene pubblico - ha
detto il sindaco Ninella Caruso - che
proprio perché pubblico sembra essere
di nessuno quando invece sono poi
i cittadini a farne le spese attraverso il
bilancio del Comune. L’appello che
lanciamo è quello di essere vigili perché
la tutela del patrimonio pubblico
è un dovere civico di ogni cittadino".
Per quanto riguarda le inferriate a
protezione degli alberi l’amministrazione
sta pensando ad una sostituzione
con mattoni forati in modo da
assicurare la funzionalità dello scolo
dell’acqua ma nel contempo scoraggiare
l’asportazione in quanto il mattone
non può essere riciclato.
Per quanto riguarda il furto in via
Romero, ex strada Raccomandata,
l’amministrazione comunale si è attivata
per predisporre il reintegro,
provvedendo alla simultanea saldatura
onde evitare il ripetersi di azioni
delinquenziali, azioni che purtroppo
continuano incessantemente.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

tags: