"Le reti della solidarietà a Sostegno della Famiglia". Una Proposta di Progetto

Versione stampabileVersione stampabile

Da dove cominciare? dalla Famiglia. Perchè? per il suo ruolo di "centralità" nella società.

La famiglia è la cellula vitale della società, l'elemento chiave nella formazione della persona e delle sue attitudini verso la società. La Famiglia deve essere scuola di vita, spazio di apertura e palestra di vita. E' a partire dalla famiglia, come luogo di educazione integrale della persona, che bisogna interrompere i circuiti della degenerazione morale e sociale. Perchè la famiglia è il contesto ideale nel quale, attraverso l'esempio dei genitori si apprendono i modelli di comportamento e di orientamento che indicano alla persona il modo migliore di realizzare la propria individualità, "vivendo assieme agli altri"  i valori dell'amore, del rispetto, della solidarietà, della tolleranza, dell'altruismo...

Per Questo bisogna rivolgere attenzione ai problemi della famiglia ed in particolare su: separazioni, divorzi, convivenze, aborti ed abbandoni di figli e sulle ricadute che questi eventi determinano nella vita sociale dei ragazzi: evasione dell'obbligo scolastico e dispersione, mortalità scolastica e ripetenze, disadattamento e mancanza di punti di riferimento fuori della scuola, della famiglia e nei momenti di tempo libero. Perchè la famiglia persiste, di fatto, come l'unico luogo "multigenerazionale" della società, l'unica sfera sociale dove le generazioni si incontrano e si confrontano, mentre tutti gli altri luoghi tendono ad essere "unigenerazionali" e spesso separano le generazioni tra di loro. Perchè la famiglia è un soggetto non solo privato ma sociale ed è quindi compito primario dello Stato, attraverso tutti i suoi livelli di rappresentanza nel territorio nazionale:

  • assicurare buoni livelli di qualità della vita nelle comunità locali, territoriali, familiari e personali. La famiglia è infatti una risorsa che può aiutare la stessa complessa organizzazione pubblica al raggiungimento dei propri fini, per cui è interesse che ci siano famiglie che assicurino il succedersi delle generazioni ed esprimano quella solidarietà elementare e diffusa che garantisce il pieno manifestarsi della persona umana;
  • promuovere una reale e seria "politica familiare", mettendo al bando le tante, a volte fatue, definizioni che si leggono spesso sugli organi di stampa o nei discorsi di alcuni uomini politici o nelle cartacee ricerche di alcuni sociologi. Saluti,  alla prossima.

Rosario Faro

 

tags: