Eletto il nuovo difensore civico

Versione stampabileVersione stampabile

Dopo la pausa estiva il consiglio comunale ha eletto il nuovo difensore civico. A succedere all’avv. Antonio Caruso, che da circa tre anni ha ricoperto questo delicato incarico, è stato eletto l’avv. Salvatore Saglimbene che ha riportato la maggioranza assoluta di diciassette voti al quarto scrutinio.

Dopo la pausa estiva il consiglio comunale ha eletto il nuovo difensore civico.
A succedere all’avv. Antonio Caruso, che da circa tre anni ha ricoperto questo delicato incarico, è stato eletto l’avv. Salvatore Saglimbene che ha riportato la maggioranza assoluta di diciassette voti al quarto scrutinio. L’elezione del difensore civico già in programma per lo scorso agosto, era stata rinviata di un mese su proposta del gruppo di Nuova Sicilia. Alla ripresa dei lavori, all’ufficio del presidente erano pervenute quattro curriculum, anche se dal primo momento la candidatura più accreditata è stata quella dell’avv. Saglimbene. In apertura di seduta, dopo la proposta del consigliere Luciano Borzì della lista del Girasole che indicava il nome dell’avv. Saglimbene, le minoranze per bocca del capo gruppo Nunzio Garozzo del Movimento volontari, si dichiaravano contrari in quanto il nome proposto era stato nell’ultima consultazione amministrativa, candidato nella lista dell’Udc.
A sostegno della maggioranza interveniva il capo gruppo dell’Udc Pippo Reina che confermando il sostegno all’avv. Saglimbene rassicurava i colleghi consiglieri sull’imparzialità e la professionalità del candidato che era sceso in lista nell’ultima competizione da indipendente. Conclusosi il dibattito il presidente del civico consesso Carmelo Santapaola apriva la votazione, ma si doveva attendere il quarto scrutinio per ottenere il quorum, in quanto nelle prime tre votazioni il regolamento prevede l’elezione del difensore civico con una maggioranza dei due terzi.
Salvatore Saglimbene non è nuovo all’impegno civico in quanto oltre ad essere stato per numerose volte eletto consigliere comunale, già negli anni settanta, ha ricoperto per ben due volte la poltrona di primo cittadino nel 1985 e nel 1990. Prima di chiudere la seduta, erano da pochi minuti passata la mezzanotte, il consiglio comunale su proposta del presidente ha osservato un minuto di raccoglimento in ricordo delle vittime dell’attentato terroristico alle torri gemelle dello scorso anno.

La Sicilia 12/9/2002 - Carmelo Santonocito

tags: