Belsito, il parco è diventato insicuro

Versione stampabileVersione stampabile

Parco Belsito Una serie di atti vandalici protrattisi nel tempo hanno abbassato la soglia di sicurezza all'interno del parco cittadino di via della Zagara, nel quartiere periferico di Belsito, a Misterbianco. Un angolo di verde, con giochi e un campetto realizzato dall'amministrazione comunale per migliorare la vivibilità di quella parte del territorio ed eliminare il degrado, tanto che all'interno del piccolo parco era stato realizzato un chiosco in modo da renderlo fruibile a tutte le ore del giorno. Adesso la mancanza di ringhiere, proprio in prossimità di dislivelli, e i danni arrecati alle strutture per lo svago hanno messo in serio pericolo la frequentazione soprattutto dei più piccoli, tanto che l'amministrazione comunale è arrivata alla determinazione di chiudere il parco parzialmente proprio per evitare incidenti a cittadini e di ragazzi.

Carmelo Santonocito
La Sicilia
29/11/2011

«Credo che si debba intervenire urgentemente - ha detto il consigliere comunale Giuseppe Basile, del gruppo Movimento volontari - per eliminare lo stato di degrado esistente e mettere in sicurezza il parco, che rappresenta un punto di incontro per giovani e meno giovani. Lo stato di pericolo esistente non permette una normale fruizione del parco».

«Conosciamo la situazione determinatasi a causa di atti vandalici continuati - ha detto il sindaco Ninella Caruso - e per questo abbiamo inibito una parte del parco. Purtroppo, la situazione del rispetto del patto di stabilità non ci permette in questo ultimo scorcio dell'anno di intervenire, anche se nel parco occorre un intervento radicale, con la sostituzione delle staccionate in legno con altre in ferro in modo da evitare continui danni».

Probabilmente se ne parlerà con l'anno nuovo per porre in essere gli interventi già predisposte dall'ufficio tecnico con un'apposita determinazione, che, oltre alla staccionate, prevede di mettere in sicurezza anche il piccolo ponte in legno, dove alcune parti sono state danneggiate.

tags: