"Beddamatri" a Majazè

Versione stampabileVersione stampabile

Il lavoro concludeva un training di formazione pedagogica svolto da Gianni Balzarini ed Emma Dante. Repliche all'ex Mangiatoia di Vittoria.

Denso prologo
prima dell’alba. Il folletto capriccioso e misuratamente ilare, un po’
filosofo un po’ istrione, che anima l’incipit di “Beddamatri” – la
piece del Teatro Agricolo in scena nello spazio performativo di Majazè – ne
traccia le parole-chiave con un ghigno che lascerebbe sospettare una “mise en
espace” frivola, assolutamente ‘degagè’. E che invece sulle note
seducenti di “Shine on your crazy diamond” dei Pink Floyd si annuncia
stratificata e profonda, come l’epifania lentissima, siderale che l’apre:
una sorta di primo giorno del mondo apparentemente privo di umana connotazione
se non fosse per la ferina presenza femminile (una coinvolta Alice Giulia Di
Tullio) - Amazzone? Divinità silvana? Grande Madre? – che si fa, attraverso
la poesia, parola ed evento. La sua è simbolicamente una presenza che la storia
ha relegato al silenzio, al dolore, alla sottomissione: che sia il lato oscuro
della creazione (il celeberrimo riferimento musicale - la luna è considerata
per eccellenza figura della femminilità - pare cogliere questa indicazione) non
è dato conoscere: chè quel manifestarsi è scenicamente rappreso (anche se non
sempre brilla della medesima intensità) in una sorta di braianstorming
espressivo assai coinvolgente. Tutto “Beddamatri” pare sospeso fra tragedia
classica e danza, tra mito e liturgia, in uno spettacolo in grado di restituire
attraverso le bio-logiche meccaniche e la dinamica dei corpi universi di
affetti, di sensi, di suoni lungo quello che si connota allo stesso tempo come
un omaggio all’oralità, alla ‘diversità’ della trasmissione del sangue e
dei sessi e all’opposizione maschile/femminile. Il banchetto verbale in cui si
consumano le forme della narrazione e della storia al femminile
(nell’evocazione che chiama in causa Lady Oscar e Madre Teresa, Rita Pavone e
Frida Kahlo) esprime forse il “desiderio” 
- e le note di “Wish you were here” s’attorcigliano sui corpi - di
una femminilità assoluta, ancestrale. 
In una rappresentazione di suggestivo impatto coreografico - curato da Emma
Scialfa – i “danzattori” (Giovanni Balzaretti, Donatella Cosentino,
Rosaria Fallico, Andrea Galatà, Samantha Intelisano, Assia Torrisi, Nicola
Pavone, Salvo Pistorio,  Elena Rosa,
Erminia Russo e Gisella Spampinato) dipanano tra corpi e parole, vicende di
sofferenza, di impossibilità ma anche di ostinazione, di rivolte distillate
dalle dinamiche biomeccaniche (lo spettacolo conclude un training di formazione
pedagogica svolto da Giovanni Balzaretti ed Emma Scialfa) e della danza
contemporanea. E infatti nella sequenza conclusiva, lungo il rituale che esprime
l’originaria furia delle Baccanti, la ricerca della parola - e del
‘soggetto’ donna che la pronuncia - s’innalza e palpita sulla vita e sulla
morte. Dopo Catania si replica a partire da giovedì all’ex Mangiatoia di
Vittoria.

tags: