Stretta di solidarietà del comitato cittadino contro l'atto intimidatorio al comandante Di Stefano

Versione stampabileVersione stampabile

Solidarietà comandante Di StefanoVicinanza e solidarietà è quella espressa dal comitato cittadino "La voce di Misterbianco" al Comandante della Polizia Municipale di Misterbianco, Antonino Di Stefano, dopo l'atto intimidatorio che ha colpito la sua abitazione.

«E' un vile atto che prende di mira un rappresentante delle istituzioni locali che quotidianamente svolge il suo dovere con grande impegno al servizio della Città; un eccellente e attento lavoro svolto dal Comandante Di Stefano, dal vice comandante Vazzano, dagli ufficiali e sottufficiali e dagli operatori tutti della Polizia municipale del nostro comune - è l'intervento del Presidente del comitato cittadino Giusi Letizia Percipalle - la risposta delle Forze dell'Ordine dovrà essere immediata e decisa: i cittadini hanno diritto di vivere in una comunità in cui sia garantita la sicurezza e l'incolumità personale e dei propri beni. Mi auguro che quanto prima si faccia luce su questo episodio. Al comandante ed alla sua famiglia dimostriamo la piena solidarietà della Misterbianco perbene – conclude la Percipalle - e la politica scelga con chi stare ed esca dal proprio guscio per prendere in mano la situazione del nostro paese, dato che nessuna forza politica, inspiegabilmente, ha accolto l'invito all'appello alla solidarietà, palesando di non voler dare disponibilità nel presenziare al fianco di liberi cittadini per sostenere la polizia municipale impegnata ogni giorno nella difesa della legalità».

«Vanno tutelate le istituzioni - dichiara il vice presidente del comitato Enrico Calabretta - e tutti coloro che lavorano per garantire alla comunità principi indiscutibili come la legalità ed il rispetto delle regole . Se c’è una tradizione da cancellare nel nostro territorio, sicuramente è la prevaricazione mafiosa incompatibile con i nostri valori e con la nostra Costituzione. La Misterbianco civile ed onesta risponde unita».

Giusi Letizia Percipalle

tags: