Progetti e indagini sull'intera area di "Monasterio Albo", in campo anche Soprintendenza e INGV: alla scoperta dei "misteri" rimasti, si vuol riportare alla luce anche l'antica chiesa di San Nicolò

Versione stampabileVersione stampabile

Monasterio AlboSul vecchio Casale di “Monasterio Albo”, distrutto dalla disastrosa eruzione dell’Etna del 1669 e poi tenacemente ricostruito più a sud dagli avi dando luogo alla nuova Misterbianco, dopo libri studi e iniziative continua il “sogno” di tanti appassionati misterbianchesi nel voler recuperare le “radici” della propria storia e di una “identità” da tramandare.

Riemersa dalla lava l’antica chiesa Madre dopo scavi sul basalto forse unici al mondo che fanno già di “Campanarazzu” un sito davvero coinvolgente, è stato restituito alla comunità un patrimonio archeologico e architettonico straordinario che nel “tempio” recuperato custodisce anche una delle rarissime testimonianze di arte rinascimentale rimaste nella Sicilia orientale. E si intensificano le visite guidate in quel sito dove tutto nacque e che tanto “racconta” tra cultura ed emozioni.

Ma alla comunità questo non basta. C’è tanto ancora da recuperare e valorizzare, ed è quello che la locale Fondazione culturale “Monasterium Album” intende tenacemente fare pur tra mille difficoltà tecniche, burocratiche ed economiche. E i vari progetti sono stati già sottoposti alla Commissione straordinaria alla guida del Comune, auspicandone il sostegno.

Gli intenti sono ambiziosi, ma ci si crede fortemente, e si fa sul serio. Nei giorni scorsi, a “Campanarazzu” sono significativamente intervenuti i tecnici archeo-sismologi dell’Ingv (l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia). Di concerto con la Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Catania, interlocutore costante e necessario, si è proceduto a una prima serie di rilievi “scannerizzando” la consistenza delle pareti dell’antica chiesa Madre, per constatare l’effettivo stato dei luoghi e cosa possa ancora trovarsi oltre le mura che danno sulla lava. Altri interventi analoghi di indagine avanzata dovrebbero seguire a breve. Ma il progetto è ben più ampio e impegnativo: si vuole studiare e conoscere in modo più approfondito l’intera area, che potrebbe riservare scoperte impensate, e soprattutto riportare alla luce anche l’antica chiesa di San Nicolò, a circa 260 metri di vicinanza, di cui sono emerse murature la cui parte sommitale è andata perduta circa 20 anni fa durante i lavori di ampliamento del campo sportivo comunale Toruccio La Piana; i sondaggi in seguito effettuati dalla Soprintendenza accertarono la presenza del pavimento della chiesa sotto oltre 9 metri di basalto lavico e nel contempo fu individuato il perimetro della chiesa stessa, la terza dell’antico Misterbianco dopo quelle di Monasterio Albo e della Madonna degli ammalati (che non fu investita dalla lava).

E a settembre è già previsto l’arrivo per alcuni giorni di un’equipe attrezzata dello stesso Ingv per una serie di indagini e rilievi accurati, geologici e di fotogrammetria - con l’impiego di strumenti modernissimi e di un drone - sull’intera colata lavica. Il progetto di recupero della chiesa di San Nicolò è già stimato, la Fondazione ha chiesto le autorizzazioni della Soprintendenza e del Comune (proprietario del terreno) per provvedere con fondi propri; e in autunno dovrebbe perfezionarsi una convenzione (Soprintendenza, Comune, Fondazione, e forse altri) per proseguire. Altri studi in corso dovrebbero ulteriormente preservare e valorizzare l’area, in collegamento con le periferie e la “strada dell’Etna”.

Una serie di obiettivi qualificanti che richiedono motivate sinergie, e in cui potrebbero essere probabilmente coinvolte anche le Università.

Nel frattempo, si aspetta che possano partire i lavori, inseriti con finanziamento nel Piano triennale delle opere pubbliche, per l’emersione dell’intera scalinata di ingresso alla Chiesa Madre, la sistemazione della strada di accesso e l’installazione di servizi igienici. Per consolidare e valorizzare intanto l’esistente, come luogo di storia, arte e fede, già oggetto anche di affascinanti “ricostruzioni” digitali d’equipe e progetti associativi di fruibilità “virtuale” anche per i disabili.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
10/07/2020

tags: