Volevano rubare la campana della chiesa

Campana S. Margherita MisterbiancoLa campana della chiesetta campestre di S. Margherita ha corso il rischio di fare la stessa fine di quella di "Campanarazzu" del febbraio scorso, quando ignoti hanno rubato notte tempo il sacro bronzo di oltre 340 chili. Ad accorgersene ieri mattina per caso sono stati gli operai del Comune, chiamati da un cittadino che risiede nei pressi e che tiene la chiave del piccolo luogo di culto, poiché la corda interna non permetteva il suono della campana.

Appena gli operai con l'ausilio del cestello si sono portati nella parte alta hanno trovato alla base del tetto una chiave idraulica, una corda ed una sega metallica con la quale avevano già tagliato uno dei quattro ganci che tengono la campana legata alla trave in ferro.

Probabilmente i ladri constatato che il gancio che sorregge la campana non era solo avvitato ma anche saldato, hanno abbandonato l'impresa oppure qualche evento extra li abbia fatti fuggire lasciando sul tetto gli attrezzi. Quest'ultima tesi sembra la più probabile anche perché sul tetto sono state trovate molte tegole rotte, segno del passaggio dei ladri. E' presumibile che il tentativo di furto risalga ad alcune settimane fa dal momento che l'omonima strada, su cui si affaccia la piccola chiesa, è al buio poiché ignoti hanno rubato i cavi di rame.

La campana era stata issata sul campanile nel1996 quando una volta restaurata la chiesetta a cura della Soprintendenza ai beni culturali di Catania, la Pro Loco aveva lanciato una sottoscrizione per dotare il piccolo tempio del bronzo. Si tratta di una campana più piccola di quella rubata lo scorso febbraio nel sito di Campanarazzu che però fa sentire il suo armonioso suone nella contrada. Nella stessa giornata di ieri gli operai hanno rimesso a posto la corda che permette alla campana di potere essere suonata dall'interno ma occorrerà ripristinare al più presto il gancio segato e sostituire le tegole della copertura per evitare ulteriori danni.

Carmelo Santonocito
La Sicilia
27/05/2014

tags: