Venditori di fumo

Versione stampabileVersione stampabile

Sit in comitato No DiscaricaLa discarica a Misterbianco ci sarà sempre perchè cosi vanno le cose in questa terra baciata dal sole. Il popolo misterbianchese ha dimostrato scarso interesse al problema discarica tanto é vero che poche persone hanno partecipato ai cortei e quasi sempre le stesse. Ma voi pensavate veramente che la discarica si potesse chiudere? Dopo che la ditta interessata aveva speso un sacco di milioni per preparare i contenitori a norma di legge, poteva mai rassegnarsi a chiudere?

Aveva ricevuto il permesso dalla Regione e quindi, male che fosse andata, avrebbe chiesto non so quanti euro di danni! I politici che hanno cantato vittoria, e che hanno festeggiato, hanno preso per il "culo" il popolo "bambino". Hanno avuto anche la faccia tosta ( alcuni ) di partecipare alle adunate.

Secondo il mio parere, a questo punto, si potrebbero chiedere due cose:

  1. Far fruire al paese di Misterbianco il gas prodotto dalla discarica sotto forma di energia elettrica per l'illuminazione viaria.
  2. Invitare la società che gestisce la discarica a costruire un termovalorizzatore per sostituire la stessa.

Si invitano i politici e i signori ambientalisti avversi al termovalorizzatore ad essere più obiettivi e meno egoisti. Ai politici, es Lombardo e compagni, dico di finirla col dire che nell'affare termovalorizzatore c'è di mezzo la mafia. Agli ambientalisti dico che nel costruire il termovalorizzatore non esiste pericolo più di tanto... infatti in Germania ne esistono numerosi e attivi a regime, i quali fanno intascare al popolo tedesco milioni di euro che puntualmente gli Italiani ( semi ipocriti ) pagano. Spero tanto di essere smentito e chiedere scusa.

Enzo Messina

tags: 

Commenti

c'è una cosa che non

c'è una cosa che non condivido di questo ragionamento. Nella nostra tanto amata quanto odiata terra baciata dal sole, la soluzione sarebbe dare agli stessi privati accusati di aver speculato sull'incapacità politica di gestire il sistema rifiuti, la gestione di un inceneritore di rifiuti, che per capirci, se una discarica deve rispettare 10 regole per non gravare sull'ambiente e sulla salute delle persone, un inceneritore di rifiuti ne deve rispettare 100. non sono ne un politico ne un ambientalista ma a questa proposta non ci sto!

Pietro Santagati

Se dovrà rispettarne 100, ne

Se dovrà rispettarne 100, ne rispetterà 100. Su questo ci batteremo alla morte. Però caro Piero, perchè in altre nazioni si può fare e qui no? Saremmo forse degli incapaci? Ho visitato quello di Brescia e funziona perfettamente... non essere pessimista.

Enzo Messina

"Se dovrà rispettarne 100, ne

"Se dovrà rispettarne 100, ne rispetterà 100. Su questo ci batteremo alla morte"... come contro la discarica?

Non è una questione di pessimismo, è una questione di realismo e di totale (quasi) mancanza di fiducia verso i vertici politici (che avrebbero la responsabilità politica), i vertici confindustriali (che avrebbero la gestione) e verso i tecnici (che avrebbero il potere di controllo).

Ah dimenticavo, la risposta è si! Siamo una nazione incapace di far rispettare le regole. Se non riusciremo a fare rispettare le regole che impongono l'immediata chiusura della discarica, non riesco proprio a capire come potremmo con un inceneritore...

Pietro Santagati

Capisco il vostro entusiasmo

Capisco il vostro entusiasmo e la vostra purezza d'animo ma le scorie, purtroppo, sono una realtà dalla quale non possiamo prescindere. La nostra società spudoratamente consumistica ci sta coprendo di lattine, contenitori di plastica, carte e cartoni nonchè di elementi anche pericolosamente nocive. Io avevo dato una soluzione a tutto questo che non sono la camere a gas ma sono termovalorizzatori impiegati in varie parti di Europa e nel mondo ed anche in Italia. Non vi convincono? bene, prospettate voi delle soluzioni..discutiamo; ma non penso sia giusto demonizzare qualsiasi iniziativa senza dire la nostra opinione. Distruggere è sempre facile, ..basta a volte un sol fiammifero, il costruire è cosa più complicata. Chi vi parla é una persona che ogni 10gg porta presso l'isola ecologica anche un pezzettino di carta e da sempre beve acqua dalla fontanella del cinema trinacria. Detto questo vi inviterei a non sviare con il nostro giusto discorso il comportamento tenuto dai signori politici i quali nulla hanno fatto e nulla faranno per risolvere ì'annoso problema. grazie

Enzo Messina

dal mio punto di vista, prima

dal mio punto di vista, prima si deve mettere nero su bianco un piano di gestione rifiuti. prima di poter dire quale è la soluzione si deve conoscere il problema e gli aspetti quantitativi e qualitativi del problema. noi conosciamo quanti rifiuti produciamo? conosciamo quanti ne possiamo differenziare? conosciamo quanti ne possiamo riciclare? conosciamo i costi di eventuali strutture di compostaggio, di riciclaggio o anche i tanto "invidiati" inceneritori? e sono giustificati? ex: un inceneritore non brucia quantità a caso ma ha delle quantità ben precise da rispettare. Per far funzionare l'inceneritore di Brescia non basta la produzione di rifiuti della provincia, quindi devono necessariamente acquisire "ecoballe" da fuori. infatti servono l'intero territorio (al bisogno).

Pietro Santagati

Le do una brutta notizia Enzo

Le do una brutta notizia Enzo Messina, La Comunita' Europea ha bandito gli inceneritori a partire dal 2020.

La Germania li sta incominciando a dismettere...non erano poi cosi buoni forse

Salvatore Di Martino

Salvatore ...io non la

Salvatore... io non la conosco ma la invito a non essere provocatore! La invito inoltre a non dire cose false perchè in Europa i termovalorizzatori sono attivissimi e già diversi sono in via di progettazione e di impianto. Vada a leggere " termovalorizzatori in Europa". Se poi li costruiscono, bene, e se non li costruiscono va bene lo stesso poichè da tutto questo non devo certo trarne alcun vantaggio personale. Quello che lei avrà letto altro non é quella che viene definita "leggenda metropolitana" cioè "uccellata". Premesso ciò, sono ben contento che si critichi ciòche gli altri scrivono, anche se, sarei più contento se le persone che frequentano questo sito oltre a limitarsi a leggere e criticare avessero delle loro idee originali e li mettessero a disposizione degli altri per una crescita democratica. Mi preme però fare una osservazione , secondo me, legittima: Non è che con queste vostre critiche sui termovalorizzatori o meno, volete distogliere l'attenzione dai politici che ci vogliono prendere in giro sulla discarica? Cosa ne pensate? Proprio in questi momenti che scrivo si apprende dello scandalo regionale sulle ennesime ruberie e voti di scambio; sono implicati politici di nostra e vostra conoscenza ...cosa ne pensate? Scrivete su questo e scrivi su questo.. Di Martino!

Enzo Messina

personalmente critico l

personalmente critico l'ipotesi inceneritore perchè dietro non c'è un vero e necessario piano gestione rifiuti. non sarò originale ma è quello che penso. e non mi pare che ci siano delle idee pro-inceneritore geniali... dall'accusa di "distogliere l'attenzione dai politici che ci vogliono prendere in giro sulla discarica...", mi tiro fuori perchè mi pare piuttosto pittoresca. da quanto leggo in rete l'on. Lino Leanza è indagato per finanziamento illecito (fonte sudpress) in relazione ad una più ampia indagine sulla formazione. Io non ho mai creduto che l'on. Leanza volesse combattere la discarica, potrei sbagliarmi ma non mi risultano sui atti, o fatti concreti contro l'ampliamento o per la chiusura. Al contrario l'autorizzazione all'ampliamento è stata concessa durante il governo Lombardo che l'on. LL sosteneva (eufemismo). Detto questo non vedo il nesso con la recente indagine.

Pietro Santagati

Pagine