Un Carnevale inclusivo

Versione stampabileVersione stampabile

Carnevale"Si è concluso anche quest’anno positivamente il Carnevale di Misterbianco. Si è scritto tanto, e a mio avviso a ragione, di una manifestazione capace di restituire aggregazione, coesione e senso di inclusione a una comunità complessa con tanti “nodi” ancora da affrontare e da risolvere.

A questo fine ha contribuito in particolar modo la sfilata organizzata dalle scuole del territorio. Una sfilata che di anno in anno raggiunge livelli qualitativi sempre più alti nella realizzazione dei temi e dei costumi, preceduta da uno scrupoloso lavoro preparatorio da parte di insegnanti, alunni e genitori che assume una forte valenza didattica, educativa e, appunto, di inclusione. Nei fatti si tratta dell’unica iniziativa all'interno del programma ufficiale della manifestazione, in grado davvero di coinvolgere tutto il territorio!

Quest’anno le sfilate sono state due: a quella ‘tradizionale’ del giovedì grasso si è aggiunta anche quella del lunedì. Bene. I tempi sono maturi perché l’anno prossimo una delle due sfilate ‘dei ragazzi’ si svolga nelle frazioni! Lineri o Montepalma possono rappresentare lo scenario ‘inedito’ e al contempo necessario, per consolidare in maniera concreta e non retorica, lo scambio virtuoso e il riconoscimento reciproco tra cittadini, famiglie e istituzioni. Se uno dei nodi irrisolti della nostra città è quello della costruzione di un’identità condivisa, questa piccola proposta va proprio in quella direzione! Si può e si deve fare..."

Massimo La Piana

tags: