In tenda sulla strada per S. G. Galermo. Riaprire il tratto franato da un anno

Versione stampabileVersione stampabile

protesta in tendada lasicilia.it
Un sit-in lungo la ex strada provinciale che collega Misterbianco con S. Giovanni Galermo per chiedere l'avvio dei lavori di consolidamento dell'arteria e permettere la riapertura del tratto che un anno fa fu interessato da uno smottamento.
Ieri mattina due consiglieri comunali, Andrea Rapisarda e Francesco Catalano, della lista autonomista «Misterbianco per vincere», hanno montato una tenda sul luogo dell'interruzione chiedendo certezze sulla riapertura della strada e lamentando false promesse da parte dell'Amministrazione.

«Da oltre un anno la strada è chiusa con notevoli disagi per i cittadini residenti in periferia - hanno detto i consiglieri - ci aspettiamo una soluzione urgente e tempi brevi per la sua riapertura».
«Nessuna falsa promessa sulla strada per San Giovanni Galermo - ha detto il sindaco, Ninella Caruso - ma solo il vano tentativo di chi vuole screditare l'amministrazione comunale con slogan da campagna elettorale, dal momento che la competenza è della protezione civile, che ha ricevuto, su nostra richiesta, un finanziamento dalla Regione di mezzo milione di euro».

Nel febbraio scorso il Dipartimento provinciale della protezione civile aveva fatto eseguire dei carotaggi che hanno evidenziato una friabilità del terreno causa dello smottamento che si è ripetuto anche questo inverno.
Sempre ieri il dipartimento della protezione civile etnea ha fatto sapere che nei prossimi giorni il progetto esecutivo sarà pronto, ma certamente i tempi non saranno brevi in quanto si dovrà procedere all'indizione della gara d'appalto.
Nel pomeriggio di ieri la tenda e il presidio sulla strada dei due consiglieri si è concluso.

tags: