Tassa rifiuti, si pagherà meno

Versione stampabileVersione stampabile

Consiglio Comunaleda lasicilia.it
Sarà da un minimo di 20 ad un massimo di 40 euro l'anno, in dipendenza dell'ampiezza dell'abitazione e del nucleo familiare residente, il risparmio sulla bolletta per la raccolta dei rifiuti per il 2011.
Lo ha deciso venerdì sera il consiglio comunale etneo a maggioranza approvando la relativa delibera che permetterà al Comune, in base alla nuova legge regionale, di emettere in tempo le bollette ed evitare i disservizi nella raccolta.

Non sarà questo l'unico risparmio, poiché se i cittadini si forniranno di tesserino rilasciato gratuitamente presso l'isola ecologica di via Garibaldi e conferiranno li i rifiuti differenziati, si vedranno decurtati altri importi fino a raggiungere quasi i 50 euro, come è avvenuto per le bollette riguardanti il 2010.
A favore dell'atto deliberativo hanno votato i gruppi di maggioranza, compresi i consiglieri Orazio Panepinto e Aldo Parrinello che nei mesi scorsi avevano lasciato i gruppi originari in dissenso con la maggioranza mentre contro il Pd e il Movimento volontari.

La diminuzione della bolletta è stata possibile grazie all'aumento delle superfici non domestiche che in maggior parte riguardano gli esercizi commerciali della zona che nel centro etneo pesano per il 43 per cento del totale delle entrate.

«Siamo soddisfatti del lavoro fatto - ha detto il presidente dell'VIII commissione consiliare Giovanni Palmeri che si occupa di Nu ed ecologia - perché oltre a questo risparmio per il prossimo anno il trend sarà ancora al ribasso dal momento che a settembre scade il contratto d'appalto e potranno essere inserite nuove regole che porteranno ad un ulteriore risparmio. Assumersi la responsabilità di decidere ed avviare un percorso è certamente un merito che altri non hanno voluto condividere».

Il Consiglio comunale nella precedente seduta aveva approvato all'unanimità anche l'adesione del comune a partecipare al «Consorzio per lo sviluppo e la legalità» promosso dall'ex prefetto Finazzo nel 2009 partecipazione condivisa, sin dalla richiesta, anche dal Pd in Consiglio comunale.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

tags: