Scocca l'ora del dialogo tra i due "Meetup" misterbianchesi del M5S

Versione stampabileVersione stampabile

M5S«Entusiasmo, energia e positività» alla prima assemblea pubblica indetta dal giovane Meetup “Amici a 5 Stelle” di Misterbianco nella sua nuova sede di via Matteotti 244, festosamente inaugurata dopo un periodo interno “travagliato” e un trasferimento a tempi da record. Ma soprattutto una serata “speciale”, per la visita amichevole e la partecipazione (fin qui “inedita”) dei rappresentanti del Meetup “storico” di via Giordano Bruno.

Nel momento indubbiamente più difficile finora vissuto dal Movimento a livello nazionale, un incontro significativo all’insegna dell’unità e della voglia di lavorare assieme per ideali e obiettivi comuni; per la prima volta da quel maggio del 2018, quando nella sua “roccaforte” di Misterbianco la realtà pentastellata si “sdoppiò” di fatto - all’indomani delle elezioni nazionali - in due gruppi distinti di presenza, proposta e azione sul territorio locale, che finora sembravano “ignorarsi” con “vite parallele” e riferimenti diversi; pur senza mai entrare, però, in pubblica polemica tra di loro.

Ora, tanti sorrisi e foto ricordo postati sul web, a sancire un “disgelo” e un dialogo utili a tutti. Erano stati in tanti ad augurarselo, e qualcuno a “mediare” costruttivamente. «Abbiamo avuto innegabilmente un periodo difficile con tanti problemi - ci dicono alcuni attivisti - e siamo orgogliosi di essere riusciti ad andare avanti; sicuramente il clima positivo è importante, ed è alla base di ogni progettazione, perché senza dialogo per il bene comune non si fa nulla e non si è all’altezza del compito».

Oltre al deputato locale Luciano Cantone, venuti a brindare e a condividere una torta assieme nella nuova sede anche l’europarlamentare Dino Giarrusso e la deputata Anna Raffa. «Rimarranno due i “meetup” M5S misterbianchesi», viene precisato. Ma con un nuovo “clima” e una “riconciliazione” oggi salutati visibilmente con soddisfazione e ottimismo dal popolo pentastellato, in attesa delle prossime “sfide” (elettorali e non) che costituiranno una concreta verifica sul campo dei “nuovi rapporti” instauratisi.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
11/02/2020

tags: