Riflessioni: "Cari concittadini del mondo"

Versione stampabileVersione stampabile

UmanitàDa questo virus, sicuramente ne usciremo fuori, questa guerra sarà vinta.
Tutti stiamo vivendo, come dentro un film, questo dramma... Finirà!

Sarà lunga la lotta e la convalescenza, ne usciremo tutti con le ossa rotte ma: DIVERSI, sicuramente più umani, più con i piedi per terra, con meno illusioni.
Azzererà i nostri sogni di superbia, di invidia, di sicurezza e di competizione a tutti i costi.

Al dopo coronavirus, saremo chiamati a ricostruire un tessuto sociale diverso, a ricostruire le cose materiale e i nostri sentimenti. Se sapremo essere diversi, pervasi da un sentimento di solidarietà umana, di comprensione, di indulgenza verso gli altri e contro l’economia del profitto e per un’economia dei beni comuni e delle relazioni, ci salveremo. Altrimenti prevarrà l’egoismo, il nazionalismo, il savranismo, oppure l’infatuazione collettiva verso l’autoritarismo populista, la disumanità e la spietatezza e tutto sarà come un nuovo virus oscurantista.

Fichera Vito

tags: