Rifiuti, 3.000 ricorsi vinti contro l'Ato Simeto

Versione stampabileVersione stampabile

Simeto Ambiente
Sono tremila i ricorsi vinti da cittadini che hanno contestato la Tariffa di igiene ambientale della società d'ambito Ato Simeto e non dai consigli comunali. Lo hanno reso noto Cgil e Federconsumatori di Catania che sulla vicenda presenteranno un esposto alla Corte dei Conti della Regione, per segnalare le principali illegittimità e violazioni di norme statutarie. Secondo Cgil e Federconsumatori "il problema della regolarità della Tia richiesta dall'Ato Simeto ambiente può oramai essere classificato come annoso".

lasiciliaweb.it

"Per gli anni dal 2004 al 2008 - hanno aggiunto - non si è ancora voluta trovare una soluzione che valga per tutti i cittadini interessati. I riflettori vanno riaccesi su questa vicenda. Sono stati vinti centinaia di ricorsi individuali che hanno sancito alcuni l'annullamento del balzello del ricorrente, è scattato l'obbligo per alcuni enti di rideterminare l'importo sulla base dell'ultima Tarsu deliberata dai consigli nell'anno 2003".

"Rimane da stabilire - hanno sottolineato Cgil e Federconsumatori - come dovranno comportarsi coloro che continuano a pagare regolarmente una tariffa la cui legittimità è stata definita più che dubbia dalla legge. Creare delle norme transitorie? Valutare i danni creati alla collettività dagli introiti annullati in attesa di ricalcolo? Difficile offrire la ricetta definitiva. Ma per il sindacato rimane necessario ridefinire tutta la questione seduti attorno ad un tavolo ufficiale".

tags: