Richiesta di modifica del percorso della Linea Urbana

Versione stampabileVersione stampabile

AutobusLa presente per chiederle un riscontro alla richiesta firmata da me, a nome dei cittadini della zona Poggio Lupo, posta alla sua attenzione durante la seduta di Consiglio Comunale del 22/01/2014, nella quale si chiedeva di valutare la possibilità di apportare una modifica sul percorso della Linea Urbana n. 2 (linea blu), ovvero prolungare il tragitto su Via Poggio del Lupo, fino all’incrocio con Via Sebastiano Catania, per poi tornare indietro e riprendere il suo attuale percorso su Via Nicolosoto.

Il tutto per dare la possibilità ai tantissimi residenti di una zona nuova, densamente popolata, di usufruire del servizio urbano del nostro Paese e ricongiungersi alla fermata del servizio urbano della Città di Catania.

Giusi Letizia Percipalle
Gruppo facebook La Voce di Misterbianco
05/02/2014

tags: 

Commenti

Caro Sig. Sindaco, attendo

Caro Sig. Sindaco, attendo ancora trepidante la risposta alla richiesta sopra riportata, ma con rammarico mi rendo conto che a qualsiasi cittadino che si chiama Pinco pallino o Tizio e Caio segue una immediata risposta, alla cittadina Giusi Percipalle non si risponde e le assicuro che non è la prima volta che ciò accade.

E' proprio vero che ognuno di noi non tollera opposizioni, soprattutto quando si è convinti di svolgere il proprio compito alla perfezione, ma si ascoltano sempre le altre campane. La mia non è mai stata una presa di posizione nei suoi riguardi, nulla di personale, perchè la reputo una brava persona e nulla di politico, perchè ritengo che chi porta avanti la voce del cittadino non debba per partito preso schierarsi con l'uno o con l'altro partito politico, anche se al momento di una candidatura si dovrà comunque scegliere una lista a cui appoggiarsi.

Quando lei divenne Sindaco io venni un Mercoledì pomeriggio presso il Municipio, mi son fatta la mia bella fila di tre ore e forse più e finalmente dopo l'attesa ebbi il piacere di conoscere il primo cittadino del mio paese. Una sfilza di richieste da parte dei cittadini dei quali io ne ero la portavoce, richieste lecite e plausibili che desideravamo portare alla sua attenzione, ma ad uno ad uno lei me li tagliava fuori, dandomi delle risposte a mio parere insoddisfacenti sulla non fattibilità di ognuna di esse. In ultimo, e quella che mi rimase impressa nella mente per il modo cruento in cui mi rispose relativamente alla risoluzione del problema randagismo, che per rispetto non riporto qui, ma che con ansia le farò presente al nostro prossimo incontro.

A quella risposta mi sono alzata e sono andata via, decidendo di proseguire il mio operato cercando di dare risposte alla gente che mi segue per altre vie e non certo collaborando con Lei. Sicuramente non ricorderà l' episodio perchè vede molta gente passare dalla sua stanza, ma la prossima volta che ci incontriamo al suo solito saluto nel quale mi dice sempre "Delinquente!!! tu ce l'hai con me!!" io le risponderò facendo luce sul reale motivo del mio atteggiamento di opposizione.

La mancata risposta al post sopra riportato ne è la dimostrazione. Sindaco mille volte le ho detto che non ci possono essere cittadini di serie A e cittadini di serie B. Le comunico che se Lei non intendesse rispondermi su queste pagine Facebook, nè alle email che invio giornalmente agli uffici competenti, mi vedrò costretta a porgerLe le stesse domande davanti ad un cameramen TG e non è la prima volta che lo faccio. Lei un pò credo che abbia capito che sono una persona caparbia, che per il rispetto dei diritti del cittadino io vado avanti e non intendo fermarmi. Sono un cittadino Sig Sindaco e chiedo risposte!!

Giusi Percipalle
Gruppo Facebook La Voce di Misterbianco
07/02/2014

Il sindaco non ti risponderà

Il sindaco non ti risponderà mai, meglio tacere che iniziare a dar luogo a inutili polemiche, comprende che sei una mina vagante, e preferisce non farla esplodere per evitare danni a cose e persone. Rappresentano strategie politiche, per evitare di concederti consensi, di concederti pubblicità mediatica,  un pò quello che succede con il giornalista Ignazio De Luca. " Quannu c'è malutempu è megghiu non nesciri da casa, esporsi inutilmente alle intemperie, evitare così malanni, tanto prima o poi ritornerà la bella giornata,  splederà il sole, e si ricomincia".  Insomma si preferisce ignorarti, farti stancare, non ascoltarti, tanto la notizia passa, altre vicende cancelleranno le tue richieste, la tua voce...

Pasqualino Longo

Pagine