Processo Lombardo, arriva il giorno dei testi della difesa: parlano Mimmo Sudano e Nino Di Guardo

Versione stampabileVersione stampabile

Raffaele LombardoSi è tenuta questa mattina l’udienza del processo d’appello – nella terza sezione penale del tribunale di Catania – a carico dell’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa.

Dinanzi al giudice Tiziana Carrubba, che presiede il collegio giudicante, si è svolta l’audizione di alcuni testi della difesa di Lombardo, rappresentata dagli avvocati Alessandro Benedetti e Filippo Dinacci.

Hanno risposto alle domande dei difensori e dell’accusa – rappresentata dai pm Sabrina Gambino e Agata Santonocito – l’onorevole Domenico Sudano, il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo, l’architetto Gabriella Sardella e il dottor Salvatore D’Urso.

In riferimento alla variante per un centro commerciale l’allora vicesindaco e assessore all’Urbanistica Domenico Sudano – nel periodo tra il 2003 e il 2005 ha precisato come non vi erano rapporti tra i due a causa di una loro “rottura” in termini politici che li avrebbe portati a un lungo distacco durato per molti anni.

L’architetto Gabriella Sardella – dirigente del Comune e nel gennaio del 2009 direttore della direzione urbanistica – ha chiarito i termini della variante della concessione edilizia richiesta in merito alla realizzazione del centro commerciale del Pigno. Una variante alla concessione edilizia che per legge non poteva passare dal consiglio comunale e che sulla quale secondo le parole della stessa non vi sarebbe stato alcun interessamento di Raffaele Lombardo.

L’attuale sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo ha spiegato l’iter del centro commerciale Tenutella.

Salvatore D’Urso – dal 2003 al 2007 direttore dell’ufficio traffico ed emergenza sismica del Comune di Catania – ha lungamente risposto alle domande dell’accusa e della difesa chiarendo i passaggi che hanno portato alla realizzazione dei progetti per i parcheggi, tra cui il parcheggio Sanzio.

Al termine dell’udienza l’ex presidente della Regione ha reso delle dichiarazioni spontanee chiarendo i contorni di tutte le vicende toccate.

La prossima udienza si terrà il 5 aprile alle ore 10 nell’aula 2 di Bicocca e verranno ascoltati in teleconferenza i collaboratori di giustizia Francesco Campanella, Giuseppe Scollo, Fabrizio Nizza, Salvatore Sciacca e Palma Biondi.

sudpress.it
26/01/2016

tags: