Patrizio Pacioni a Misterbianco, nella memoria di Giuseppe Orofino

Versione stampabileVersione stampabile

Giusy Orofino con Patrizio PacioniHa voluto visitare Misterbianco Patrizio Pacioni, lo scrittore e blogger romano che vive a Brescia, autore del dramma-denuncia teatrale “Diciannove più uno” in cui si rievoca la misteriosa tragedia della motonave “Hedia” (scomparsa nel 1962 al largo della Tunisia) che vide tra le venti vittime – mai ritrovate e rimaste senza sepoltura - il giovane fuochista misterbianchese Giuseppe Orofino. Con la sua palpitante opera teatrale, Pacioni ha vinto il premio “Angelo Musco” consegnato a Giardini Naxos, ed è in concorso con un secondo lavoro “Come nel gioco dell’oca” (coautrice Elena Bonometti).

A Misterbianco, Pacioni ha incontrato la famiglia Orofino, dal fratello del marinaio, Concetto, ai nipoti Giusy e Santo, con cui è ora legato da fraterna amicizia. Fu Giusy a chiedere a Pacioni di occuparsi della tragica vicenda dello zio Giuseppe, messa in scena a Brescia e a Roma. Nel 2018, Pacioni ha in programma una tournée a Catania con l’opera teatrale “Sua eccellenza è servita”, ma spera di poter organizzare anche a Misterbianco - con una compagnia teatrale locale - una nuova rappresentazione dedicata del suo “Diciannove più uno” quale omaggio allo scomparso marinaio ed alla sua città natale.

R.F.
La Sicilia
31/10/2017

tags: