Oltre ai bus navetta per le frazioni la FCE da maggio effettuerà due nuove fermate a Misterbianco per intercettare altri viaggiatori del centro storico

Versione stampabileVersione stampabile

Comune di MisterbiancoCOMUNICATO STAMPA del 20 aprile 2017
L’interesse della FCE di intercettare nuovi viaggiatori per la metropolitana si sposa con la volontà dell’amministrazione comunale di Misterbianco di fornire nuovi e maggiori servizi ai propri cittadini.

Stamattina il sindaco di Misterbianco dopo aver interloquito con i vertici della FCE ha comunicato ufficialmente che dal mese di maggio dei bus navetta gratuiti della FCE collegheranno, uno i quartieri di Lineri e Monte Palma con la stazione della metro di Nesima e l’altro il quartiere di Belsito con la stazione della Metro di S. Nullo.

Non è sola questa la novità venuta fuori dall’incontro con la FCE.

Il treno che giornalmente collega i comuni etnei con Catania appena entrerà nel territorio di Misterbianco effettuerà due nuove fermate lungo il percorso, al di fuori delle fermate storiche, per raccogliere i cittadini della zona Toscano e di Piano Tavola che potranno così agevolmente raggiungere la stazione della metropolita a Nesima.

La prima fermata sarà a Piano Tavola in via Guttuso in territorio del comune di Misterbianco e la seconda a Piazza Pertini o Piazza Mercato in zona Toscano.
Il treno si fermerà all’altezza del passaggio a livello per raccogliere o far scendere passeggeri che così potranno raggiungere con lo stesso biglietto la metropolitana a Nesima ed arrivare al centro di Catania senza mezzi privati.
“Con queste due nuove fermate ed i bus navetta per le frazioni – ha dichiarato il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo, ringraziando i vertici della FCE per la disponibilità dimostrata – tutto il territorio comunale è interconnesso con la metropolitana. Si tratta di un primo passo in attesa che la metro arrivi a Misterbianco centro segnando la trasformazione del nostro comune e ridando fiato alle attività commerciali ed all’economia del territorio.”

Ufficio stampa
Carmelo Santonocito

tags: