Non siamo soddisfatti

Versione stampabileVersione stampabile

Invio il testo di una mozione approvata nella scuola in cui lavoro. Spero che gli amici e colleghi delle scuole di Misterbianco possano trovare spunti per sottoporre ai rispettivi Collegi Docenti qualcosa di simile.

SCUOLA MEDIA STATALE “LOMELLINI-CANTORE” GENOVA

DOCUMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI

Il collegio dei docenti della Scuola Media Statale “LOMELLINI-CANTORE”, riunitosi il giorno 12 febbraio 2003 in seduta ordinaria:

- visto l’art. 35 della Legge Finanziaria 2003;

- esaminato il terzo punto all’Od.g( “Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati nella scuola secondaria di I° grado)”;

- valutato il complesso delle misure governative ed in particolare le “Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati” che si configurano come una prima traduzione pratica del Ddl di riassetto della scuola pubblica;

ESPRIME

LA PROPRIA INSODDISFAZIONE NEI CONFRONTI DEL PROGETTO DI ATTUAZIONE DELLE SUDDETTE MISURE PERCHÉ:

· Riduce i finanziamenti alla scuola pubblica tagliando gli organici e aumentando il numero degli alunni (compresi i portatori di handicap) per classe.

· Sostituisce l'obbligo scolastico con il diritto all'istruzione e alla formazione.

· Mira a far acquisire solo le conoscenze e le abilità di base tagliando di fatto i progetti miranti a sviluppare anche le capacità critiche.

· Separa l' istruzione secondaria dalla formazione, obbligando i giovani ad una scelta precoce (13 o 14 anni) e difficilmente modificabile operando così una forte discriminazione tra il percorso riservato all'apprendimento della cultura “alta” ed il percorso della formazione che deve solamente “specializzare”.

· Affida la formazione e l'istruzione professionale alle regioni a cui riserva la definizione di una quota dei piani di studio rendendo dubbia la spendibilità nazionale ed europea del titolo conseguito al termine del ciclo di studi.

· Non rispetta chi nella scuola opera seriamente ma non ha la possibilità di partecipare alla formulazione del progetto medesimo.

· Non delinea con chiarezza, rispetto ai vincoli e alle risorse, le situazioni relative a:

1. Organico d’istituto;

2. Orario annuale;

3. Autonomia scolastica;

4. Laboratori facoltativi di rete;

5. Funzioni del futuro tutor;

6. Attività del Servizio Nazionale di Valutazione.

Il collegio decide l’invio del presente documento ai Presidenti delle Camere, al Ministro dell’Istruzione, al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, alla Regione Liguria, agli altri Enti locali interessati, alle scuole della Provincia di Genova.

APPROVATO A MAGGIORANZA

FAVOREVOLI: 57

CONTRARI: 1

ASTENUTI: 2

Genova 12/02/2003

tags: