Multe salate: da 300 a 3.000 euro

Versione stampabileVersione stampabile

Comune di MisterbiancoL'amministrazione comunale dichiara guerra alla distribuzione dei volantini e materiale pubblicitario in tutto il territori comunale.
E' la seconda volta che nel volgere degli ultimi sei mesi il comune interviene sull'argomento, inasprendo le sanzioni a carico di coloro che non rispettano il regolamento comunale e l'ordinanza sindacale dello scorso agosto.

La distribuzione di materiale pubblicitario era previsto dal regolamento approvato dal consiglio comunale nel 1998 e modificato nel 2000.
L'esiguità della tassa comunale prevista per ogni persona che operava il volantinaggio sul territorio ha portato il consiglio comunale lo scorso anno ad aumentare le tariffe ed il sindaco in base al nuovo regolamento ha emesso una apposita ordinanza, pubblicata anche sul sito del comune, con la quale era fatto divieto lasciare materiale pubblicitario sui parabrezza delle auto o il deposito in alcuni luoghi pubblici o sotto le porte di ingresso dei residenti, regolamentando anche gli immobili in condominio, quando questi evidenziavano il divieto a ricevere materiale pubblicitario.

In questi mesi le cose non sono andate per il verso giusto e la distribuzione porta a porta è continuata ad essere un vero handicap per il decoro del centro storico e per le strade che, spazzate la mattina, si trovano a mezzogiorno piene di volantini pubblicitari che il vento porta ovunque ed in alcuni casi occludono anche le caditoie per il deflusso delle acque.

«Abbiamo inasprito - ha detto il sindaco Nino Di Guardo - sia per le aziende intestatarie che per il personale addetto alla distribuzione, la sanzione pecuniaria da un minimo di trecento euro ad un massimo di 3.000 poiché il comune non può sostenere oltre al degrado anche le somme per lo smaltimento dei rifiuti che ne derivano».

Sono esclusi dalla nuova ordinanza eventuali volantinaggi che contengano comunicazione pubblica effettuata dal comune o altri enti per comprovati motivi che interessano i residenti.

Carmelo Santonocito
La Sicilia
19/02/2013

tags: