Morto il maestro Bentivegna

Versione stampabileVersione stampabile

Franco BentivegnaLa notizia della scomparsa di Franco Bentivegna, aveva compiuto 80 anni lo scorso giugno, estroso e geniale maestro della ceramica e della pietra lavica si è diffusa in un lampo nella sua Misterbianco dove da oltre 30 anni, dopo aver deciso di lasciare l’impiego pubblico, aveva realizzato la sua bottega, diventata punto di riferimento per artisti, uomini di spettacolo, della moda e gente comune.

La ceramica da sempre era stata la sua passione sin da quando da bambino si trovò all’interno di un laboratorio e decise di coniugare la sua passione con il suo estro e la sua creatività, tanto da farlo apprezzare e conoscere non solo oltre stretto, ma fuori dallo stivale italiano.

Con lui ed il suo “Artigianato del sole”, da mesi ormai chiuso in seguito alle sue precarie condizioni di salute, hanno collaborato artisti come Gaetano ed Antonio Brancato e Sebastiano Milluzzo, stilisti come Marella Ferrera che per la prima volta utilizzo la pietra lavica per i suoi vestiti grazie ad una lamina di due millimetri sulla quale Franco Bentivegna riportò il disegno del pavimento della chiesa Madre sepolta dall’eruzione lavica del 1669 per presentare l’abito sulla passerella dell’alta moda a Firenze nel 2000.

Bentivegna mise la sua creatività anche a disposizione di artisti come Lucio Dalla arredando la sua casa di Milo o Pippo Baudo per le sue dimore di Militello o la villa a Santa Tecla distrutta in un attentato e ricostruita ed arredata con la collaborazione del maestro Franco Bentivegna.

Alla sua attività ha sempre legato la Sicilia, come quando realizzo le scenografie per Antenna Sicilia mettendo in risalto il sole ed i suoi agrumi e per la sua Misterbianco riproducendo pavimenti ed immagini sacre sia su terracotta che su pietra lavica oppure forgiando con l’argilla animali, presepi o lo stemma della Trinacria o maioliche dai colori inimitabili.
I funerali si svolgeranno stamani alle ore 11,00 in chiesa madre a Misterbianco.

Carmelo Santonocito
La Sicilia
28/12/2016

tags: