Misterbianco, riapre Mercatone Uno 64 dipendenti richiamati da Cig

Versione stampabileVersione stampabile

Mercatone Uno - MisterbiancoTorna la merce sugli scaffali del ‘Mercatone Uno’ di Misterbianco con la riapertura del punto vendita di viale del Commercio. Riapre, dopo una fase di sospensione, che ha gettato nello sconforto i lavoratori catanesi.

Da giovedi’ prossimo il punto vendita tornera’ pienamente operativo. Nei giorni scorsi gli addetti sono stati impegnati nel riassortimento della merce con le nuove collezioni di arredi, tessile, casalinghi e elettrodomestici.

Per la riapertura del Mercatone Uno di Misterbianco sono stati richiamati dalla cassa integrazione i responsabili e gli addetti del punto vendita, complessivamente 64 persone. Il Mercatone Uno di Misterbianco ha una superficie commerciale di 6.000 metri quadri.

“La riapertura di Misterbianco – afferma Italo Soncini, direttore generale di Mercatone Uno – e’ un traguardo importante il rilancio di Mercatone Uno e per l’occupazione che questo processo consente di dare ai nostri dipendenti, soprattutto in aree con ridotte opportunita’ di impiego. Tutta la struttura aziendale e’ stata impegnata in un grande sforzo per raggiungere questo obiettivo, cosi’ come e’ stato grande l’impegno dei Commissari Straordinari, di tutto il personale e delle organizzazioni sindacali per dare una prospettiva all’azienda e salvaguardare l’occupazione Da Misterbianco – aggiunge Soncini – ci aspettiamo risultati importanti: e’ uno punti vendita del gruppo con buone potenzialita’ commerciali, inserito all’interno di uno dei contesti metropolitani di spiccato interesse commerciale, non solo del Sud Italia ma dell’intero Paese.

Come per le altre riaperture – conclude il direttore generale di Mercatone Uno – non ci siamo limitati a rialzare la serranda, abbiamo rinnovato il punto vendita, il layout e tutto l’assortimento, per tornare sul mercato con un’offerta all’altezza delle esigenze di consumatori sempre piu’ maturi nelle scelte”.

catania.blogsicilia.it
29/03/2016

tags: