A Misterbianco padre e figlio agricoltori con armi nel podere

arrestoLe armi erano nascoste nel doppio fondo di un camper parcheggiato in una zona di campagna, a Misterbianco. I custodi dell’arsenale, padre e figlio, di 61 e 30 anni, agricoltori di professione, sono stati arrestati con l’accusa di detenzione illegale di armi e munizioni, alterazione di armi e ricettazione.

In contrada Cubba, zona agricola del comune di Misterbianco, i militari, con l’ausilio del Nucleo Cinofili di Nicolosi, all’interno di un camper parcheggiato, sono riusciti a scovare in un doppio fondo, un tubo di plastica utilizzato per lo scarico delle acque reflue, ben sigillato alle estremità, dove erano nascoste le armi.

Sono stati sequestrati un fucile a pompa calibro 12, con matricola abrasa, due fucili a canne mozze calibro 12, risultati rubati e 20 cartucce a pallettoni calibro 12. Sotto sequestro anche alcuni mezzi: un furgone Fiat Iveco 135, rubato, 1 Fiat 190, 1 Bobcat e 1 motopala.

Le armi sequestrate, in buono stato d’uso ed efficienti, saranno inviate al Ris di Messina per gli accertamenti balistici. Le indagini saranno utili anche per stabilire se le armi ritrovate erano nella materiale disponibilità della criminalità organizzata etnea.

Padre e figlio sono stati rinchiusi nel carcere di Piazza Lanza.

catania.blogsicilia.it
26/05/2014

tags: