Maestre asilo avanti solo con sudore e passione: 8 mesi senza stipendio. "Parola non mantenuta"

Versione stampabileVersione stampabile

Asilo Nido MisterbiancoStipendi arretrati, ma si continua a lavorare e a prestare servizio. È la difficile situazione che vivono ormai da 8 mesi le maestre di asilo nido di Catania e Misterbianco. Per questo, non si è fatto attendere l’attacco nei confronti del comune di Catania.

“Il Comune di Catania resta sordo alle legittime richieste dei lavoratori e, fatto ancor più grave, disattende gli impegni contratti nero su bianco”. Interviene così Marco Corsaro, consigliere comunale del gruppo d’opposizione Guardiamo Avanti a Misterbianco, sul calvario delle maestre in servizio negli asili nido e spazio gioco pubblici dei comuni di Misterbianco e Catania.

La querelle sui clamorosi ritardi negli stipendi – al momento ballano otto mensilità arretrate – si trascina dall’anno scorso e mai, finora, i pagamenti sono riusciti a diventare regolari. Si tratta dei lavoratori avviati nell’ambito del Servizio ausiliario Asili nido del Distretto socio-sanitario dei Comuni di Catania, Misterbianco e Motta Sant’Anastasia.

“Ci troviamo di fronte ad un’amministrazione incapace di garantire la normalità e che, ancora peggio, non mantiene la parola data”, prosegue Corsaro, riferendosi all’ultima trattativa svolta. Il 12 febbraio scorso, infatti, si è tenuta una riunione fra l’assessorato Famiglia e Politiche sociali di Catania, i sindacati Cgil, Cisl, Snalv e alcuni delegati dei lavoratori, conclusasi con l’impegno a pagare gli stipendi mancanti – almeno fino a dicembre 2017 – entro quella settimana. Da allora, però, nessuna somma è stata liquidata e le maestre stanno per tornare sul piede di guerra.

“Siamo pronti ancora una volta a manifestare accanto alle maestre ingiustamente bistrattate dalla cattiva amministrazione – conclude Corsaro – se gli stipendi dovuti, almeno fino a quello di dicembre 2017, non verranno pagati entro questa settimana”.

newsicilia.it
27/03/2018

tags: