L'importanza di non dimenticare

Versione stampabileVersione stampabile

Monumento ai CadutiIl 4 novembre è il giorno dell'unità nazionale e la giornata nazionale delle forze armate. L'unica festa che dal 1919, anno della sua istituzione, ha attraversato tutte le età dell' Italia liberale, fascista e repubblicana.

Per questo sostengo che anche la nostra comunità doveva riservare più partecipazione al ricordo dei nostri caduti, sottolineando, sopratutto per i più giovani, l'importanza del 4 novembre, evidenziando l'invito del capo dello stato Napolitano, a non dimenticare tutti coloro che sono caduti per la nostra libertà e per la prosperità del nostro Paese.

La memoria collettiva è parte integrante della nostra identità ed in quanto tale deve essere sempre condivisa e trasmessa, rivolgendo un pensiero anche ai giorni nostri, a tutti gli uomini impegnati all'estero per promuovere una maggiore sicurezza e stabilità internazionale, sottolineando la solidarietà per episodi come quello accaduto ai due marò, ancora prigionieri in India.

La storia del nostro Paese è la storia della nostra identità.

Sperò che dimenticanze come questa non accadano più.

Grazie

Marco Corsaro

 

 

tags: 

Commenti

Condivido in pieno il tuo

Condivido in pieno il tuo pensiero e vorrei aggiungere anche che la ricorrenza del 4 novembre non è solo un fatto storico di 94 anni fà, di quando (come giustifica qualcuno la dimenticanza) c'era la guerra. Quel giorno sicuramente si fa ricorrere ad un periodo lontano da noi, ma la gente che la vissuta era come noi ed ha combattuto per degli ideali che oggi pochi hanno voglia di difendere. Abbiamo dimenticato tutta la nostra memoria storica, abbiamo messo nei cassetti i libri di educazione civica, a scuola non si riesce a studiare la nostra storia contemporanea, non ci preoccupiamo di promuovere il servizio civile, ai ragazzi si rimprovera di non avere ideali e di essere apatici per il proprio Paese, ma se le istituzioni si dimenticano di esistere, come si riesce a stimolare la gioventù moderna? Non sono solo quattro balletti e tre musichette che ci fanno maturare. Se dobbiamo avere un paese civile, se dobbiamo riprendere i nostri ideali, se dobbiamo riprenderci la nostra identità, che passa anche da eventi e manifestazioni come questa, è doveroso ricordare.

Cristina Buffa

Pagine