La Galleria Civica d’Arte ”Pippo Giuffrida” di Misterbianco

Versione stampabileVersione stampabile

Galleria Civica d'arte "Pippo Giuffrida" - MisterbiancoDi notevole prestigio, onorata da illustri artisti, continua con fervore la sua attività.
A Misterbianco, torna ad essere una gran bella realtà la Galleria Civica d’Arte ”Pippo Giuffrida”, ubicata in pieno centro storico in Piazza Mazzini, in un antico edificio, dalla facciata liberty, nato cent’anni fa come “Casa dell’acqua”, dopo la bellissima funtana dei quattru cannaggi.

L’antica costruzione, dopo anni di abbandono e dopo aver risentito del naturale trascorrere del tempo, è risorta a nuovo splendore, sia per il recupero delle sue parti architettoniche, sia per essere stata destinata nel 1995 a “Galleria Civica d’Arte”. L’edificio consta di due ampie sale espositive disposte su due piani, oggetto di necessario recupero manutentivo ed estetico-funzionale.

La Galleria, affidata dal 1998 al 2002 alla direzione artistica della pittrice Carmela Zuccarello, ha già vissuto – a seguito di una serie di eventi artistici di notevole spessore – un periodo di valorizzazione dell’arte e della cultura del territorio. La struttura ha ospitato artisti di notevole prestigio, già affermati nel panorama artistico isolano e nazionale, quali Sebastiano Milluzzo, Antonio Brancato, Francesco Sgroi, Dino Cunsolo, Francesco Trovato, Nunzio Sciavarrello e molti altri. Dopo anni bui, in cui l’attività della Galleria è stata trascurata, la nuova Amministrazione comunale aveva già preannunciato la volontà di un pieno recupero e rilancio della struttura, dove si sono realizzate, nell’ultimo biennio, un paio di mostre, un presepe nel dicembre 2012, e quest’anno l’evento Body paintingnell’ultimo carnevale e la presentazione di “Misterbianco Fiera”. Il Sindaco dott. Nino Di Guardo, che sta pensando di affidare alcuni preziosi siti comunali e le relative attività alla sovrintendenza fiduciaria e gratuita di determinati cittadini che assicurino competenza e passione con la cura del buon padre (o madre) di famiglia, ha da poco riaffidato con propria determinazione la direzione della Galleria all’artista Carmela Zuccarello, la quale ha accettato con entusiasmo per riprendere con passione il dialogo culturale e artistico interrotto anni addietro, facendo della struttura un qualificato punto di riferimento nel settore e programmando, con l’Assessorato comunale alla cultura, una serie di iniziative per fare apprezzare anche a Misterbianco le varie tendenze artistiche contemporanee.

Carmela Zuccarello ha iniziato la carriera artistica giovanissima. Ha conseguito la maturità artistica presso il Liceo Artistico di Catania negli anni in cui artisti come Nunzio Sciavarrello, Eugenio Russo, Elio Romano, Antonio Brancato, Matteo Barretta, Carmelo Signorelli erano docenti. Non ha mai smesso di dipingere, studiando sempre nuove tecniche, dall’olio al pastello, alla grafica infine all’acquerello, tecnica che per il suo temperamento spontaneo e immediato le è più congeniale. Seguendo sempre l’arte contemporanea e l’attività degli artisti siciliani, pur non partecipando attivamente perché dedita alla cura dei figli e della famiglia, arriva alla maturità con un bagaglio tecnico e una grande voglia di inserirsi in quell’ambiente che “profuma di Arte” che tanto ama e che la fa vivere in “una dimensione di libertà infinita”, avvicinandola a tutto quello che c’è di bello nella vita: la natura e l’uomo con la sua interiorità. Il piacere nella ricerca del bello, e studi specifici, la portano ad occuparsi di design d’interni, di complementi di arredo e della creazione di oggetti d’arte. Da tempo, la Zuccarello partecipa attivamente alla vita artistica siciliana, spesso presente ad importanti manifestazioni. Ora si è rituffata con passione nel nuovo incarico nella sua Misterbianco.

La direttrice artistica ci dice: «Siamo felici che a giugno di quest’anno abbia riaperto ufficialmente la Galleria Civica, con la possibilità di elaborare un programma di eventi artistici che ha come obiettivo principale la divulgazione di una cultura artistica di qualità e della “buona arte”. Tre i concetti-chiave su cui è basato il programma: sviluppare un atteggiamento nuovo in chi conosce poco e non ha un’opinione formata in campo artistico; consolidare l’atteggiamento di chi cerca l’arte nel proprio territorio, dandogli risposte di qualità; interessare le persone che finora non si sono avvicinate all’arte pensando che essa sia un mondo riservato ad un pubblico d’elite perché a volte poco comprensibile ai più. Questo è lo stimolante obiettivo che si prefiggono la direzione artistica e l’Assessorato comunale alla Cultura. Il nostro programma ha al suo interno anche degli incontri-dibattito (come “Stasera Parliamo d’arte” e “Salotto d’Arte”) che sono delle occasioni utili per capire di più, su questo difficile e complesso mondo, sull’importanza dei critici, dei galleristi, dei collezionisti e degli storici e su quanto il loro apporto possa influire per affermare e veicolare l’arte e la carriera di un artista oggi».

Il 14 giugno nel suggestivo chiostro in cui ha sede la Biblioteca Comunale “Concetto Marchesi” è stato presentato il programma delle attività della Galleria Civica fino al gennaio 2015, alla presenza del sindaco Di Guardo, dell’Assessore alla cultura Barbara Bruno, di artisti, critici, galleristi e di un folto pubblico di appassionati. Un intervento di musica e poesia, a cura del poeta Mimmo Santonocito e dei chitarristi Salvatore e Giuseppe Di Stefano, ha coinvolto emotivamente il pubblico presente, allietando la serata.

Il 5 luglio si è tenuta nella bellissima Sala Conferenze dello Stabilimento Monaco la conferenza-dibattito “Stasera parliamo d’Arte. Una risposta a tanti perché”, a cui hanno partecipato tre ospiti molto qualificati: lo storico dell’arte Giuseppina Radice, il collezionista Filippo Pappalardo e l’artista Elsa Emmy. I loro interessanti interventi hanno suscitato fra gli intervenuti un vivace e costruttivo dibattito che è servito appunto a dare delle risposte a tanti perché sull’arte. La serata ha avuto come moderatrice la giornalista Lella Battiato.

Il programma espositivo della Galleria si è aperto volutamente con la mostra dell’artista Natalia Criscione, allieva prediletta di Pippo Giuffrida (l’artista misterbianchese di fama cui è stata intitolata la Galleria), quasi a volere rendere omaggio al Maestro. Natalia Criscione ha portato a Misterbianco, con il suo bagaglio pittorico, le esperienze degli ultimi 50 anni di arte siciliana. La mostra è stata molto visitata e apprezzata.

Dal 12 luglio fino a tutto agosto, la Galleria ha ospitato la Mostra-Installazione Eco-Fish dal titolo “Com’è profondo il mare” delle bravissime Tiziana Gazzara e Loredana Mazza; due artiste che “giocano” con ciò che il mare riporta sulla battigia e ricreano la fauna sottomarina, con una fantasia e una leggerezza impagabili. E’ stata una mostra in cui tutti i sensi vengono sollecitati; un progetto frutto di anni di lavoro, che parte dall’idea che “nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”. Arte ma anche amore, rispetto per la natura, per il mare e per le creature che vi abitano. Un bel messaggio per grandi e piccoli. Gli ospiti sono coinvolti a 360 gradi nella fruizione di ciò che visitano, lo spazio si presenta di colore azzurro come una riproduzione virtuale del mare, fasci di luce e proiezioni riproducono la voce del mare, tutt’intorno reti di pescatori, l’olfatto viene stimolato dall’odore dei materiali che sono stati utilizzati per realizzare le opere. Meritatissimo il consenso del pubblico.

Dal 17 settembre, la Mostra “Garanza Alizarina” dell’artista di grande talento Benedetto Poma, il quale è stato già ospite anni fa della Galleria, e che oggi espone opere che per tecnica, impatto coloristico, personalità e unicità lo inseriscono fra gli artisti che contano nel panorama artistico contemporaneo. E poi, si continuerà con altre Mostre e iniziative, nell’intento ambizioso (ma mosso da autentica e meritoria passione e indubbia competenza) di costruire a Misterbianco un vero e qualificato “polo d’attrazione” per chi ama l’arte e la cultura.

Roberto Fatuzzo
lalba.info
11/09/2014

tags: