La donna "Guerriera". Presentazione del libro al Teatro Comunale

Versione stampabileVersione stampabile

Presentazione la donna "Guerriera"Una splendida cornice di pubblico ha gremito in ogni ordine di posto il teatro Comunale di Misterbianco in occasione della presentazione del libro “: La donna guerriera” a cura dell’agente di Polizia Francesco Manna. Il Romanzo presentato Domenica 27 Ottobre dal giornalista Giuseppe Condorelli e da Anna Maria Gazzana, si è svolto in una atmosfera suggestiva, che ha letteralmente coinvolto e commosso il pubblico presente.

Franco Manna ha recitato alcuni tratti del suo racconto in un parallelo fatto di immagini, suoni, e luci, proiettate su uno schermo, alimentando cosi surreali sensazioni all’interno della location.

La protagonista del libro non è solo Graziella, la donna, la madre, la sposa che non ha mai smesso di lottare, che non si è mai arresa alla sua malattia, che ha combattuto sino alla fine con dignità e coraggio. Il ruolo principale del libro è rappresentato essenzialmente dall’amore, che ruota all’interno del nucleo familiare che non smette mai di testimoniare ogni momento di vita vissuto insieme a GRAZIELLA e per Graziella. L’amore, l’atteggiamento composto dei figli, di Agnese, di Dario che vivono i momenti cruciali e tristi di questa vicenda, rappresentano per tutti i lettori un esempio di vita e di indiscusse virtù.

Il libro vuole essere anche un contributo a favore di tutte le persone affette da malattie incurabili, un valido sostegno per le famiglie che lottano, che affrontano sacrifici, perchè la vita è un dono di Dio e come tale và vissuta sino all’ultimo dei nostri giorni con impegno e coraggio. Questo è il vero messaggio che Graziella quella sera ha voluto trasmettere a tutti i presenti e a tutti coloro che leggeranno il libro. Lo ha fatto con toni pacati, con umiltà, attraverso la mano e la voce di Franco che ha vissuto e sostenuto ogni momento di questo suo calvario.

L’autore del volume intervistato da Giuseppe Condorelli, per lunghi tratti in preda all’emozione, si è cimentato in quest’opera composta da 222 pagine per rendere omaggio alla sua consorte, e lasciare un impronta della sua esistenza affinchè tutti possano ricordarla in eterno.

L’intervista continua con il racconto di questa sua avventura e passione per la scrittura, iniziata una settimana a seguito del triste evento, ha rappresentato per l'autore una vera e propria terapia, sostenendolo nei momenti di maggior sconforto, conducendo il suo animo irrequieto a ritrovare la pace e la serenità.

Esemplare contributo al libro è stato fornito anche da Viviana Strino, per la composizione grafica. A Lei appartiene l'impronta rilasciata inavvertitamente sulla copertina anteriore del libro, che lo stesso autore a conclusione della serata ha ironicamente commentato, svelandone i retroscena.

Alla presentazione, hanno preso parte il Presidente del Consiglio Comunale Antonino Marchese, i consiglieri Russo, Anfuso e Adornetto, ed ancora Il Dirigente della Polizia di Stato dell’ U.P.G.S.P. Volanti di Catania, Il Dirigente delle Volanti di Enna, i colleghi di Francesco.

Il Sindaco di Misterbianco Antonino Di Guardo, inquilino dello stesso stabile dello scrittore che ben conosceva la protagonista del romanzo, ha voluto ricordare e testimoniare con un suo intervento, il sorriso, la gioia di vivere di una mamma e moglie, Graziella. La serata ricca di spunti, si concludeva con la distribuzione del libro e tanti autografi e dediche a favore dei presenti.

 

Pasqualino Longo

tags: 

Commenti

Pagine