Il Liceo Artistico "Emilio Greco" e la "fabbrica dei sogni"

Versione stampabileVersione stampabile

SognatoriA volte sembra quasi di poter toccare con le mani i sogni dei nostri ragazzi, d’accarezzarli, di esplorarli, di poterli contemplare, durante l’appello del primo mattino, nel bel mezzo delle lezioni o al suono della campanella dell’ultima ora. Chissà cosa sognano i ragazzi! I sogni non aiutano solamente a vivere meglio, ma sono essi stessi vita pulsante, vita attiva, sono energia pura e rinnovabile, vigore fecondo e instancabile, forza in grado di cambiare il mondo. Chissà quanti sogni fanno i ragazzi!

Anche di questo hanno parlato i ragazzi del Liceo Artistico Statale “Emilio Greco”, della sede distaccata di San Giovanni La Punta, insieme ai “Sognatori Concreti”, durante un incontro dal tema, “Dalla Mediocrazia alla Sognocrazia. Sogno dunque sono”, che si è tenuto l’altro giorno, presso l’Auditorium del Polivalente di San Giovanni La Punta. Per essere felici e in pace bisogna, innanzitutto, amare se stessi, e, di conseguenza, saper amare gli altri, e sognare in grande… E la “Sognocrazia” dev’essere un sistema in grado di migliorare la società, dal punto di vista culturale, sociale, politico, economico, per darsi valore, “per far dare ad ognuno il meglio di sé”.

E’ saper mettere in campo azioni positive, capaci di raggiungere l’obiettivo di incoraggiare ciascuno cittadino a partecipare al processo di valorizzazione e di trasmissione del nostro patrimonio culturale alle future generazioni. Pertanto, dovranno essere pianificate ed attuate strategie di collaborazione e di informazione dell’opinione pubblica per attivare processi di educazione e di formazione permanente. “Per amare la cultura, ci vogliono persone che insegnino ad amarla”: la conoscenza e la consapevolezza del nostro patrimonio culturale può renderci cittadini attivi che amano la propria ricchezza e la propria identità culturale, trasmettendole alle nuove generazioni. Questa è la mission della scuola e del liceo artistico “Emilio Greco” di Catania.

Angelo Battiato

tags: