Hostage, i Mazzei di Lineri Inchiesta chiusa: 34 indagati

Versione stampabileVersione stampabile

arrestoIl lupo perde il pelo ma non il vizio. Un proverbio azzeccatissimo per Orazio Coppola che, nonostante arresti e anni dietro le sbarre, sarebbe tornato ad essere il reggente della cellula di Lineri del clan Mazzei. Un pentito mormorava che ‘quando si entra in Cosa nostra è per la vita’. Il ritorno in auge nel panorama criminale catanese del vecchio boss è documentato nelle carte dell’indagine Hostage, che lo scorso mese ha portato in manette 12 persone.

La Squadra Mobile ha azzerato il gruppo mafioso, specializzato in estorsioni e anche in droga. Addirittura per l’approvvigionamento dello stupefacente in Albania, per pagare un debito, sono stati portati a ‘garanzia’ alcuni affiliati. Che poi - da come emerge da alcune intercettazioni - sono diventati veri e propri ostaggi. Orazio Coppola quindi avrebbe ripreso le redini dei Carcagnusi di Lineri, frazione misterbianchese. Ai suoi ordini anche personaggi storici del gruppo mafioso, come Salvatore Licciardello (Turi Chianca per la malavita). Dalle intercettazioni si arriva anche a ricostruire rapporti consolidati (e a volte anche di investimento economico) con Carmelo Distefano, esponente di vertice del clan Santapaola-Ercolano, già finito in manette nel blitz del 2017 Chaos insieme al suocero Carmelo Rannesi.

Ma se sono stati 12 i destinatari della misura cautelare firmata dal gip, molte di più sono le persone a cui è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari firmato dal pm Andrea Bonomo. E tra i 34 indagati appare anche Eugenio Minnella, una vecchia conoscenza del campo dello spaccio di droga di San Giovanni Galermo. Il genero del trafficante Marco Battaglia è l’imputato chiave del processo Cape Sparrow, quello scaturito dall'inchiesta che qualche mese fa ha fatto chiudere bottega alle piazze di spaccio di via Capo Passero. A lui è contestato il reato di detenzione di droga in concorso.

I nomi degli indagati. Said Abouzahid, Santo Alecci, Giuseppe Barbagallo, Alessandro Cannizzaro, Salvatore Cannizzaro, Giovanni Cavallaro, Salvatore Celano, Orazio Coppola, Pietro Cosentino, Veronica Eliana Cosentino, Agatino Costantino, Alessio D’Agostino, Carmelo Distefano, detto millions, Pietro Gangemi, Salvatore Imbrogiano, Antonio Valerio Leonardi, GIovanni Leone, Salvatore Licciardello, Salvatore Maccarrone, Eugenio Mascali, Eugenio Minnella, Corrado Monaco, Salvatore Musumeci, Antonio Nicolosi, Luca Pavone, Giuseppe Platania, Giovanni Pusullico, Giuseppe Quaceci, Salvatore Quaceci, Oronzo Sciacca, Antonino Terranova, Marina Tricomi, Giovanni Ventorino.

Laura Distefano
catania.livesicilia.it
24/07/2019

tags: