Gli "orizzonti" di Sebastiano Parasiliti a Misterbianco

Versione stampabileVersione stampabile

Sebastiano Parasiliti - MisterbiancoDal 7 e fino al 22 febbraio 2015, alla Galleria Civica di Piazza Mazzini - Misterbianco CT, sarà possibile visitare la mostra "Nuovi Orizzonti" dell'artista Sebastiano Parasiliti.

Scrive nel suo testo che presenta l’artista in catalogo Alessandro Vanessi “Con questo modo di operare, egli si cala nel più puro dei procedimenti dell’arte Informale, che presuppone appunto una non progettazione dell’intervento sul supporto da dipingere. Ho davanti a me opere che evocano paesaggi, si potrebbero definire paesaggi informali, dal momento che nel suo lavoro – come detto - non c’è mai nulla di studiato a priori. … Scorrono davanti a me quelli che sono evocazioni di mari, di cieli e nuvole, dentro a degli orizzonti che tutto questo contengono e forse anche altro. Prima i temi della sua ricerca erano paesaggi urbani immersi nella quotidianità delle periferie cittadine, rese grigie e malinconiche da una umanità che era solo percepita.

Ora, oserei dire che il suo sguardo si è spostato, semplicemente, alzando gli occhi al cielo o contemplando l’immensità del mare, osservando il gioco delle nuvole sul paesaggio – marino o terrestre – e ipotizzando altri orizzonti. Le opere sostanzialmente si dividono in due filoni, che potremmo definire per grandi linee “Paesaggi di terra” e “Orizzonti”. Mentre nel primo filone il colore appare più scuro e tormentato, nel secondo le vedute sono meno cupe perché il colore è più gioioso e trasparente. Sebastiano Parasiliti ci invita a guardarci attorno, in qualche modo ci vuol comunicare – forse, ma è solo un mio pensiero - il pericolo che i soggetti da lui evocati potrebbero in futuro non molto lontano sparire del tutto, almeno agli occhi dell’uomo se questi continuerà ad essere altro da sé.”

Vale la pena sottolineare che la Galleria Civica intitolata a Pippo Giuffrida di Misterbianco, diretta da Carmela Zuccarello sta vivendo un momento di particolare fermento artistico. Le mostre dello scultore Gianluigi Benanti “Ombre”, di pittura di Annachiara Di Pietro “Fisognomie” e di Andrea Chisesi “Fuochi e visioni” per citare le ultime in ordine di tempo fanno ben sperare per un futuro in crescendo di una galleria d’arte contemporanea che porta il nome di un illustre pittore di Misterbianco tra i cui riconoscimenti poté annoverare l’invito ad esporre i suoi lavori, nel 1950, alla XXV edizione della Biennale di Venezia.

La mostra di Sebastiano Parasiliti – Nuovi Orizzonti – a cura di Alessandro Vanessi è visitabile tutti i giorni 17.00/20.00 festivi 10.00/13.00- 17.00/20.00.

Francesco M. Scorsone
scorsone.art.opinion.over-blog.com
06/02/2015

tags: