Due giorni di sport, scuola e vita assieme ai rugbisti delle Isole Fiji

Versione stampabileVersione stampabile

Campioni FijiSono stati momenti particolarmente emozionanti, quelli trascorsi nel civettuolo stadio “Valentino Mazzola” di Misterbianco dalla Nazionale di rugby delle Isole Fiji in preparazione al suo incontro con la squadra italiana al “Massimino” di Catania. Grazie alla proficua collaborazione tra il Comune di Misterbianco e il presidente del Comitato Regionale della Federazione Rugby Orazio Arancio, consigliere nazionale del Coni, la struttura sportiva era stata resa disponibile al fortissimo team straniero per due giorni dei propri allenamenti.

E così è stato possibile realizzare tra l’altro lo straordinario incontro con gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Leonardo da Vinci” di Misterbianco, diretto da Caterina Lo Faro, che stanno attuando il progetto “L’ovale legale”, patrocinato dal Comune nell’ambito delle iniziative di “cittadinanza attiva”, con il docente responsabile Carlo D’Amico, e hanno costituito una propria formazione rugbistica, con la collaborazione di alcune “vecchie glorie” del rugby misterbianchese.

Dopo aver seguito l’allenamento dagli spalti, bellissima l’accoglienza degli alunni e la “passerella” conclusiva, con i campioni delle Fiji – piacevolmente colpiti e disponibili - e i ragazzi a darsi calorosamente il “cinque” sul terreno di gioco, nel segno della fratellanza sportiva, alla presenza del delegato allo sport Federico Lupo. Nella seconda giornata, l’allenamento dei campioni delle Fiji è stato seguito dai ragazzi dell’Istituto Tecnico Economico Gioacchino Russo di Paternò, accompagnati dal prof. Domenico Marchese. Con la presenza straordinaria dei tre ex nazionali di rugby misterbianchesi Salvo Garozzo, Raffaele Privitera e Salvo Carbone.

Due giornate “speciali” di sport, scuola e vita a Misterbianco. In coerenza col messaggio sociale sull’importanza dello sport come pratica per la tutela della propria salute fisica e mentale, del rispetto delle regole e degli avversari, del gioco del rugby come emblema dell’approccio sano e consapevole alla vita. Per vivere assieme, per qualche momento, un’aria più respirabile.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
10/11/2017

tags: