Contrastare il femminicidio e la complessità delle violenze: mi riguarda e mi attivo! Sentirlo e dirlo, tutte e tutti! E la comunità se ne prende cura

Versione stampabileVersione stampabile

22 Dicembre 2021Misterbianco, 22 Dicembre Ore 16.30. Stabilimento Monaco, Sala Giarrizzo.
L’orrore profondo per l’uccisione di Genny Cantarero ci mobilita a mettere in rete e a sistema molteplici azioni concrete. Il 22 è un avvio. Seguirà un calendario di iniziative aperte.

Lanciato un appello, hanno già risposto e stanno rispondendo tante associazioni di donne e di uomini.
Di uomini che è importantissimo si mobilitino.
È una rete che cresce. Un percorso difficile, che deve essere tenace, non episodico.

E’ importante che le forze politiche del territorio non agiscano separatamente dalla società civile e si mettano in sinergia e in ascolto; hanno risposto all'appello, messo su facebook: Attiva Misterbianco, Amici a Cinque Stelle e Partito Democratico; anche le altre forze hanno espresso questa volontà, il 16 Dicembre, in un Consiglio Comunale Straordinario aperto.

Finora, da Misterbianco hanno aderito: Cerchio delle donne – Agorà - Assessorato Solidarietà sociale, Istruzione, Pari Opportunità -– Auser - Centro Studi Psicologia Funzionale - Consultorio A. Lo Certo - Comitato No Discarica – Fidapa - Libera, presidio Don Pino Puglisi - Libera per tutti, Bottequa – Makeba - Marianella Garcia - Osservatorio della legalità (da rinnovare con la nuova amministrazione) - SPI CGIL di Lineri - Toponomastica Femminile - UCIIM.

Abbiamo anche l’adesione da: Città Felice - Associazione culturale "Graziella Corso" - Associazione "Immagina" Motta S. Anastasia - Comitato popolare Antico Corso - Centro Antiviolenza Thamaia Catania - Coordinamento donne CGIL – Femministorie - Donne A.L.F.A Ministero Pari Opportunità - FNISM-Catania - Iniziativa Femminista - Memoria e Futuro - Promozione per la famiglia "Don Luigi Luggisi", Paternò - Rete antiviolenza La Ragna-Tela - Rete fattorie sociali Sicilia e la cooperativa Energ-etica Catania – Sunia - UDI.

Josè Calabrò

tags: