Comunicato stampa del gruppo Guardiamo Avanti. Richieste alla Commissione straordinaria

Versione stampabileVersione stampabile

Guardiamo Avanti - MisterbiancoIl 2020 è stato un anno terribile per il nostro Paese, l’emergenza sanitaria COVID-19 è ormai diventata una pandemia a tutti gli effetti, portando conseguenze devastanti dal punto di vista fisico, psicologico, sociale, economico, mettendo in ginocchio le famiglie e le imprese.

Un’emergenza che non accenna a diminuire ma anzi, si è già riproposta per il 2021 con gli effetti che tutti noi stiamo dovendo subire: è di questi giorni l’ennesimo provvedimento governativo che decreta in Sicilia la “zona ROSSA” fino al prossimo 31 gennaio, recepito dall’ennesima ordinanza del Presidente della Regione che stabilisce ulteriori misure per la prevenzione e la gestione di questa emergenza epidemiologica, disponendo restrizioni sempre più forti nei confronti delle famiglie e delle imprese, misure certamente necessarie ed inevitabili, considerato l’incontrollato aumento dei casi e dei contagi, ma purtroppo deleterie per il tessuto sociale ed economico del paese.
A Misterbianco la situazione è, in molti casi, drammatica.

Le famiglie e le attività produttive, dal canto loro hanno subito ingenti perdite in termini economici e di personale, tali da comportarne in molti casi la chiusura e l’indebitamento, innestando un meccanismo perverso quanto deleterio, con un impatto devastante sull’economia di questi soggetti, sempre più in debito di ossigeno: una crisi senza precedenti acuita peraltro dal fatto che gli effetti negativi dell’emergenza COVID non sono stati compensati dagli aiuti da parte degli organi preposti, e non sono bastati fino ad oggi i contributi erogati dal Governo sotto forma di ristori e/o indennità, ovvero i fondi stanziati dalla Regione o le misure messe in campo da codesta Commissione Straordinaria, del tutto insufficienti.
Prendiamo atto che lo Stato inoltre, ha ripreso l’attività di accertamento e riscossione che era stata sospesa nei mesi precedenti proprio per la pandemia, e che dai prossimi giorni vedrà la notifica di 50 milioni tra cartelle esattoriali ed accertamenti) come si evince dai mezzi di stampa).

Allo stesso modo prendiamo atto che il Comune di Misterbianco, nei giorni scorsi, ha inviato numerosi accertamenti esecutivi con cui si chiede il pagamento al singolo contribuente ed all’impresa di tributi locali anche per annualità pregresse, mostrando, spiace dirlo, scarsa sensibilità nei confronti dei suoi cittadini, perché, se è pur vero che l’Ente locale deve perseguire i fini suoi propri a spese dei contribuenti persone fisiche e giuridiche, tuttavia non si può pensare di raggiungere l’obiettivo a tutti i costi ed a prescindere dalle ripercussioni che questa attività avrà inevitabilmente soprattutto sulle imprese e sulle famiglie.

Occorre dare un segno tangibile di vicinanza ed aiuto a famiglie e imprese che non sono in grado di risollevarsi dalla crisi.
Considerato che, l’emergenza COVID-19 e le sue conseguenze negative si protrarranno anche per il 2021, il gruppo “Guardiamo Avanti” chiede a codesta Commissione di adottare le misure di seguito indicate:
a) la sospensione, ove possibile, del pagamento dei tributi locali, sotto forma di fatture ordinarie, di atti formali, di avvisi di accertamento, di procedure esecutive fino al 31/06/2021;
b) la sospensione, ove possibile, delle scadenze fiscali già operative, relative agli avvisi di accertamento notificati anche per anni pregressi (come ad es. la TOSAP), ed alle procedure esecutive intraprese, alla fine del 2020;
c) sospensione di pagamento degli stalli dei parcheggi contrassegnati con le strisce blu, per tutto il periodo della cosiddetta “zona Rossa”;
d) la mobilitazione della Protezione civile a supporto delle Forze dell’Ordine sul territorio, finalizzata ad evitare eventuali spostamenti o assembramenti immotivati;
e) di aggiornare i contatti telefonici, mail, pec, dei vari settori sul sito istituzionale dell’Ente locale, al fine di garantire la reperibilità e potenziare i servizi telematici.

Considerata l’urgenza ed indifferibilità della questione, il gruppo “Guardiamo Avanti” si rende disponibile ad un incontro in tempi brevi, da svolgersi nelle forme che la Commissione riterrà, al fine di valutare in contraddittorio, nel rispetto dei rispettivi ruoli, le soluzioni sopra riferite e/o altre all’uopo individuate. Con osservanza

Movimento Guardiamo Avanti

tags: