Comunicato: IV Marcia della legalità

Versione stampabileVersione stampabile

Libera MisterbiancoLa IV Marcia della Legalità, svoltasi il 9 luglio 2015, è stata per il nostro presidio un importante momento in cui verificare e rinsaldare le nostre scelte nel territorio. Ogni anno questo appuntamento ci rende felici perché ci consente di coltivare nei più giovani i semi di quei valori che Libera ritiene fondamentali, sperando che dalla gioia di questi momenti di condivisione germogli l'impegno nella vita quotidiana, al servizio della legalità. Ci piace che la Marcia unisca idealmente il centro e le frazioni: l’anno scorso a Montepalma, quello prima al centro… tutti i Gr.Est. presenti nel territorio che collaborano in rete, circa 500 persone (tra bambini, animatori e volontari) che giocano insieme, quest’anno anche la littorina ad agevolarci nei trasporti trasformando la marcia in avventura!

Per questo ringraziamo di cuore prima di tutto i bambini, gli animatori, gli scout e le parrocchie e il clero presente che, come noi e come Don Pino Puglisi, credono fortemente nell’educazione delle giovani generazioni per costruire una società davvero rinnovata. Grazie alla calorosissima accoglienza di Montepalma, dalla scuola "Padre Pio da Petralcina" alla parrocchia "Beato Cardinale Dusmet"! Siete forti!

Ringraziamo anche l’Assessorato alla Cultura del Comune di Misterbianco, perché ci appoggia nel combattere una mafia silenziosa che non è più quella che uccide le persone con la lupara, ma è quella che soffoca con l’usura, con il pizzo, con la corruzione a tutti i livelli. E questo tipo di lotta va combattuta fianco a fianco con le istituzioni, a meno che ovviamente non siano corrotte, perché rappresentano tutti i cittadini.

Ringraziamo il sindaco e tutti i consiglieri e gli assessori che ci hanno accompagnati in questa marcia o sono passati anche solo per un saluto, perché è bello ricordarci di avere un'unica meta.

Grazie ancora all'Arma dei Carabinieri che in tutte le occasioni ci affianca, con la discrezione di chi sa che indossare una divisa è prima di tutto una responsabilità. Grazie inoltre alla Polizia Municipale e alla Misericordia di Misterbianco e di San Leone, per l'assistenza lungo il percorso.

E infine ringraziamo tantissimo l'FCE, che ha accolto la nostra richiesta di collaborazione per portare 150 bambini da un capo all'altro del nostro territorio comunale, con quel meraviglioso mezzo che è la littorina, uno dei simboli del territorio etneo che ha attraversato indenne la sciara e la storia.

La Marcia della legalità 2015, invece di essere dedicata alle vittime innocenti, è stata costruita sui valori positivi che si oppongono a quelli distruttivi, che ogni giorno incontriamo sulla nostra strada:
Mafia e corruzione? Giustizia e legalità!
Silenzio ed egoismo? Memoria e impegno!
Doping e partite truccate? Sport e sana competizione!

Le parole si sono trasformate in giochi e, speriamo, diventeranno guide per le concrete scelte di vita che ad ogni età siamo chiamati a fare.
In questo particolare momento di crisi che, a più livelli e da più punti di vista, tocca tutti noi, ci auguriamo di poter imparare a fare quello che hanno fatto i più piccoli oggi: usare le parole per dare risposte costruttive e concrete, invece che sprecarle per polemiche inutili o per tirare acqua ognuno al proprio mulino.

Ma mai da soli, perché come ci piace ripetere sempre, solo se lo facciamo insieme si può!

Il presidio di Libera a Misterbianco

tags: