Che bello! La politica

Versione stampabileVersione stampabile

Nicola AbbadessaAssistiamo in questi giorni alla rimodulazione dell’Amministrazione di Misterbianco. In tempi normali o in quelli perturbati della politica, questa mossa ci sta tutta. Partiamo dall’antefatto.

Il Sindaco Di Guardo in due anni è stato capace di smontare la sua maggioranza eletta ed in forte difficoltà amministrativa che fa? Come 20 anni fa ( mi riferisco al Dott. Michelangelo Condorelli, al Prof. Nicola Abbadessa ed al Prof. Filippo Scuderi) licenzia gli assessori Anna Lisa Russo e Barbara Bruno, espressione della tanto sbandierata SOCIETA’ CIVILE, per fare posto ad una più composita Giunta politica.

Non disquisisco sulle vicende che hanno portato parecchi consiglieri comunali ad abbandonare lo schieramento di maggioranza ma bensì sul fatto che apre le porte dell’Amministrazione all’opposizione uscita dalle urne nel 2012, fin qui potrebbe anche starci. Ma il bello di tutto ciò sta nel fatto che nomina, addirittura, vice-sindaco un soggetto che appartiene armi e bagagli alla squadra del “Marittisi” che proprio durante la campagna elettorale era a capo dello schieramento che sosteneva il candidato sindaco Nino Condorelli.

Come non ricordare le “epiche” invettive che si mandavano a dire dal palco di Piazza Mazzini durante i loro comizi elettorali, sembrava una campagna elettorale NORMALE, ma così non era dato che alla fine vi furono parecchie anomalie: la manipolazione delle liste facenti capo al “marittisi” e non ultimo il tradimento dell’allora Presidente della Regione. Ora, ripensando a tutto quanto successo, sorge spontanea una domanda: vi era già un accordo fin da allora per arrivare allo stato attuale? Penso proprio di si.

Di contro assistiamo allo sfaldamento del gruppo “articolo 4” alla Regione Siciliana dove il capoccia viene smentito da 4 onorevoli del suo gruppo sulla nomina dell’assessore regionale facente capo al suo gruppo. Forse la nomina di Corsaro è l’ultimo colpo di coda di chi sa che la propria sopravvivenza politica passa solo se resterà all’ombra del PD. Pazienza, fatti suoi.

Ma analizziamo i giorni nostri. Viene nominato assessore con delega a vice-sindaco un giovane rampante della politica misterbianchese che fino a qualche tempo fa rappresentava la naturale alternativa al governo di Nino Di Guardo. Così non potrà più essere a meno che non sarà nominato sul campo il delfino dell’attuale sindaco.

Caro Marco, hai tradito chi come me nel 2012 ci ha messo la faccia assieme a molti altri amici che hanno contribuito, con i loro voti, alla elezione tua e degli altri consiglieri che oggi hanno fatto il salto dello steccato. Io non ci sto. L’attaccamento alla poltrona (non ti sei dimesso da Consigliere!!! Paura che ti finisca a pesci in faccia?) Ti ha fatto distaccare da un’ideale politico, da un progetto alternativo al centro sinistra, da una comunità, quella misterbianchese, che già ti bolla come un voltagabbana e opportunista della politica.

Mi aspetto adesso che Tu faccia riportare nel quartiere del Carmine la farmacia istituita dall’allora Giunta Caruso. Mi aspetto adesso che tu faccia impinguare tutti quei capitoli di spesa afferenti ai portatori di disabilità. Mi aspetto adesso che tu mantenga vigile l’attenzione sul Piano Regolatore Generale affinchè non finisca con una cementificazione diffusa. Mi aspetto una tua dichiarazione sulla fantomatica chiusura della discarica (con buona pace di quella parte di articolo 4 che ancora non si è pronunciata. Mi aspetto un puntuale lavoro affinchè, finalmente si possano abbassare i livelli di tassazione sui cittadini misterbianchesi. Mi aspetto da te una proposta di limitazione dei compensi ai consiglieri così come discutavamo all’interno di “Famiglia lavoro e solidarietà”.

Ne hai cose da fare, sicuramente tante. Prova a farle se non altro per diminuire il gap della incoerenza che hai dimostrato nell’accettare l’incarico. Buon lavoro.

Ringraziando la testata Misterbianco.com per l’ospitalità che vorrà offrirmi, cordialmente saluto. Ad majora.

Nicola Abbadessa

tags: