Cercarsi e ritrovarsi in allegria dopo 55 anni dalla prima elementare

Versione stampabileVersione stampabile

CompagniCercarsi e ritrovarsi con gioia e in amicizia dopo qualcosa come 55 anni. Il difficile desiderio di Angelo Giuffrida e Carmelo Mazzola alla fine si è tenacemente realizzato. Non è stato facile, ma ce l’hanno fatta. I compagni della prima elementare del 1963/64, tutta maschile (l’insegnante era Gaetano Nicolosi), allo “storico” Istituto Aristide Gabelli di Misterbianco, hanno avuto la voglia e la fortuna di incontrarsi dopo ben 11 lustri, festeggiando assieme una “rimpatriata” memorabile e comprensibilmente inaspettata per alcuni di loro.

Con tanti anni ormai sulle spalle, ma con l’entusiasmo e l’emozione a farli ritornare per una sera “compagni” e “bambini” felici, dimenticando per qualche ora gli acciacchi. Purtroppo, di quella classe rimasta immortalata in foto in bianco e nero gelosamente custodite, in nove erano assenti perché fuori sede o per motivi di salute, e quattro perché deceduti; presenti comunque in 21, a scambiarsi nostalgici ricordi di quelle vecchie “elementari”. Con la mente a tempi e giochi semplici di una volta, senza computer videogiochi e cellulari, c’erano Benedetto Anfuso, Domenico Bruno, Pietro Fazio, Giuseppe Fiorito, Gioacchino Giardina, Angelo Giuffrida, Antonio Giuffrida, Rosario Grillo, Vincenzo Guarnaccia, Giovanni Guarnera, Sebastiano Guarnera, Sebastiano Indelicato, Giuseppe Leonardi, Carmelo Lucisano, Salvatore Lucisano, Francesco Malvagna, Concetto Marchese, Antonino Maugeri, Carmelo Mazzola, Carmelo Privitera e Gaetano Privitera.

Per condividere in allegria una cena alla Madonna degli Ammalati, con torta finale, tra scherzi sorrisi abbracci e foto-ricordo, ripromettendosi di vedersi ancora e augurandosi ogni bene.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
10/09/2019

tags: