Centro antiracket e antiusura Chinnici «Un contributo in più per le imprese»

Versione stampabileVersione stampabile

Confcommercio MisterbiancoUna nuova realtà a supporto delle aziende sarà operativa a Misterbianco da quest'oggi. Si tratta del centro antiracket ed antiusura "Rocco Chinnici" messo su dal sistema Confcommercio, "Imprese per l'Italia" che da tempo opera nell'intera provincia etnea.

L'iniziativa, per un territorio come Misterbianco dove insistono ancora oggi numerose imprese commerciali, è importante ed attesa anche perché in passato non sono mancate situazioni di illegalità che hanno comportato l'intervento delle forze dell'ordine e della magistratura per aiutare quegli imprenditori coinvolti.

Oggi la situazione di ristrettezza del credito per le aziende potrebbe comportare la ripresa del fenomeno dell'usura che quasi sempre porta i soggetti coinvolti a rimanere invischiati in un vortice dal quale è difficile uscirne senza l'aiuto di chi si occupa del problema da tempo.

«Abbiamo con determinazione chiesto l'apertura di un centro d'ascolto presso la nuova sede - ha detto la presidente Confcommercio del centro etneo Giovanna Giuffrida (nella foto) - non solo per fornire un servizio ai commercianti, anche non associati, ma perché desideriamo che non si ripetano situazioni verificatesi nel passato».

Come funzionerà il centro d'ascolto dell'associazione "Rocco Chinnici"?
«Intendiamo lasciare a favore degli imprenditori un canale sempre aperto con l'aiuto dell'associazione e di legali che supporteranno l'iniziativa il cui contributo è determinate per la delicatezza dei problemi. In questo ci aiuterà il presidente dell'associazione Claudio Risicato ma agiremo in sinergia con istituzioni e forze dell'ordine».

Avete segnali di recrudescenza del fenomeno?
«In questi mesi dai nostri 300 associati no, ma questo non significa nulla. Chi è vittima di questi reati si avvicina solo se qualcuno è disposto ad ascoltare ed a consigliarlo nel rispetto della legge».

In passato Misterbianco ha registrato casi di richiesta del "pizzo" o di azioni di strozzinaggio che hanno portato aziende ad entrare in crisi. In alcuni casi l'intervento dell'associazione è stato determinante per ristabilire la legalità ed arrestare anche gli autori. L'inaugurazione del centro di ascolto è fissata per oggi alle 16,30 nella sede di Confcommercio in via Garibaldi 512.

Carmelo Santonocito
La Sicilia
29/11/2013

tags: