Bonus Sicilia, il disastro del click day per gli aiuti alle imprese. Tutto rinviato

Versione stampabileVersione stampabile

ClickdayTutto come previsto.
E' un disastro annunciato il click day della Regione Siciliana per accedere agli aiuti alle imprese. Oggi scattava il bonus Sicilia, con i fondi già divisi per provincia. Per il trapanese, ad esempio sono previsti aiuti per 10 milioni di euro.

Tutto rinviato all'8 Ottobre 2020, alle nove.
Il sito infatti non funziona. E' andato in crash per i troppi accessi.
E' l'ennesima brutta figura della Regione Siciliana.

Oggi era molto atteso il Click Day della Regione Sicilia, attraverso il quale si procederà all’assegnazione del Bonus Sicilia per le attività di micro imprenditorialità che abbiano fatto registrare un calo degli introiti a causa del lockdown.

Purtroppo la Regione ha impostato tutto come una guerra tra poveri.
Soltanto i più veloci potranno accedere ai 125 milioni di euro a fondo perduto, messi a disposizione dalla Regione Siciliana per le aziende in difficoltà. Partito alle nove di questa mattina, si sono verificati subito disservizi tecnici, che hanno impedito alle imprese di inoltrare la domanda.

Al di là della buona tenuta della piattaforma, tuttavia, soltanto una parte degli imprenditori che ne hanno fatto richiesta potranno, infine, beneficiare del sostegno della Regione. Ammontano a quasi 56mila, infatti, le aziende accreditate, le quali richiederebbero lo stanziamento di almeno 600 milioni circa per poter soddisfare tutte le richieste.

La Regione Siciliana, dopo le lamentele di alcuni utenti nei giorni scorsi, aveva assicurato per mezzo di una nota che la piattaforma non dovrebbe dar vita ad alcuna anomalia. “In relazione alle affermazioni relative a decine di segnalazioni”di presunti casi di “data breach” verificatisi in seno alla piattaforma regionale SiciliaPei, informiamo – si legge nella nota- che, a seguito delle analisi condotte il fornitore Tim “non ha ravvisato, ad ora, alcuna anomalia infrastrutturale e di piattaforma che possa avere provocato una condivisione di dati aziendali a soggetti diversi da quelli automaticamente identificati mediante Spid” e alle informazioni ereditate tramite il Sistema informativo del registro imprese”.

E infatti, oggi è andato tutto in crash...

tp24.it
05/10/2020

tags: