Cultura

A Misterbianco incontro/dibattito "La mafia uccide il silenzio pure", per cominciare a scalfire i lunghi silenzi della storia d'Italia

Pino ManzellaGiorno 25 Maggio 2017 a Misterbianco CT si è svolto l’incontro “La mafia uccide il silenzio pure” presso la Sala Giarrizzo all’interno del suggestivo Stabilimento Monaco di Misterbianco, un vecchio opificio costruito alla fine del XIX secolo all’interno del quale, oggi, si trovano alcuni uffici comunali.

Evelin Costa
cinisionline.it
30/05/2017

Dai laboratori al teatro, per vincere la sfida sull'autismo

Spettacoli e ProgettiDai laboratori al teatro, con «una bella storia, oltre l’arcobaleno». «La sfida si vince sulla comunicazione e interazione, con la collaborazione tra pubblico e privato sociale». Ne sono convinti all’Azienda Sanitaria provinciale, impegnata sul tema dell’autismo con progetti e attività multidisciplinari che ieri hanno proposto con emozione al Nelson Mandela di Misterbianco una sintesi significativa nel musical “Il Mago di Oz”, interpretato in parte dagli stessi ragazzi autistici con i loro familiari, con l’inedita presenza interattiva sul palco dell’umanoide Nao, un robot che fa da “facilitatore” e integratore, frutto della collaborazione con il Cnr e i Behaviour Labs di Catania nell’applicazione tecnologica alle terapie comportamentali.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
31/05/2017

Gli alunni del Leonardo da Vinci "Ciceroni per passione"

Ciceroni per passioneQuasi fossero volontari del Fai - cui si sono anche ispirati - una settantina di alunni dell’Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci di Misterbianco, badge distintivo sul petto, hanno fatto con entusiasmo da “ciceroni della domenica” ai cittadini e visitatori sui luoghi più significativi del centro storico.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
29/05/2017

L'Incontro "La mafia uccide, il silenzio pure"

Pino ManzellaMisterbianco dedica alla mafia una riflessione senza ritualismi e retorica, con l’incontro “La mafia uccide, il silenzio pure” nell’ambito del progetto “Il filo rosso della memoria”, che parte dall’uccisione di Peppino Impastato a Cinisi per svilupparsi oltre ogni limite di tempo. E qui è stato portato quel mitico striscione originale di allora, di apertura dei cortei, con lo slogan diffusosi dovunque. Per ricordare che la memoria e il ricordo non bastano a “liberare” il futuro, senza un reale impegno collettivo per il cambiamento del Paese.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
17/05/2017

Evento: "Il filo rosso della memoria: La mafia uccide il silenzio pure"

Il filo rosso della memoriaSono eventi in cui la presenza di ciascuno oltre che significativa è basilare, perché indice di interesse, di condivisione un modo semplice per dire: io ci sono perché anch'io desidero che le cose cambino, che l'attenzione verso un tema forte, quale "La mafia e la Legalità" diventi stimolo e incoraggiamento per ognuno che nel proprio piccolo dice, desidero che le cose cambino e che insieme a tanti cittadini "dormienti" che anelano a una società migliore, ad altri che unendosi in associazioni, costituiscono la parte attiva, proponente e aggregante del tessuto sociale... si faccia qualcosa! foto della serata

Carmela Zuccarello
Curatrice Evento

Dal "Cerchio delle donne" nuove progettualità sociali con il Comune, scuole e associazioni

Il cerchio delle donneIn una città ricca di fermenti socioculturali, le donne misterbianchesi si confermano una risorsa preziosa e inesauribile. Con il “Cerchio delle donne” che «non lancia parole al vento», bensì si allarga e coinvolge il Comune, uomini, associazioni, scuole e realtà non cittadine. E con molte iniziative già realizzate e tante altre in programma, per «un progetto di socialità e di comunità accogliente».

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
15/05/2017

Dopo Milano, la storia di Misterbianco e del sito di Campanarazzo sono portati al salone del libro di Torino, con la presentazione del libro: Le case dei gelsi Misterbianco una storia di donne e di uomini lungo un millennio

Le case dei gelsi

A cura di Josè Calabrò, Giuseppe Maimone Editore. Misterbianco è una città con qualcosa di molto speciale: la chiesa di Campanarazzu.
Oggi - fatto forse unico al mondo - la Chiesa Matrice dell’antico paese rivive, infatti, spogliata dalla lava, che nell’eruzione dell’Etna del 1669, l’aveva sommersa. E’ reso, così, visibile e anche vivibile un luogo straordinario, per le tracce medievali e il tanto di rinascimentale, che è stato, invece, cancellato, quasi del tutto, in Sicilia orientale, dal terribile terremoto del 1693. locandina

Josè Calabrò

Attiva Misterbianco: anche Misterbianco abbia la sua corsa non competitiva di solidarietà

Attiva MisterbiancoSin dalla sua prima edizione nel 2009, la manifestazione sportiva “Corri Catania” ha avuto un successo sempre crescente in termini organizzativi e di partecipazione dei cittadini, fino ad arrivare agli oltre 32.000 partecipanti dell’edizione di domenica scorsa, una partecipazione “spinta” quest’anno anche dall’apertura domenicale straordinaria della metropolitana di Catania, dove si sono riversati migliaia di cittadini dell’hinterland per raggiungere il percorso della manifestazione.

Attiva Misterbianco

A Misterbianco un Evento dal titolo "Il Filo rosso della Memoria". Curatrice Carmela Zuccarello con il sostegno del Sindaco Nino Di Guardo e dell'Assessore alla Cultura Federico Lupo

Il filo rosso della MemoriaTutto nasce dall'incontro della Direttrice della Galleria Civica "Pippo Giuffrida" con Pino Manzella, di Cinisi, raffinato artista "cronista e testimone" attraverso l'Arte, di un periodo di sangue, di forti contrasti di un gruppo di amici, con il potere mafioso, tra loro Pino Manzella e Peppino Impastato.

Carmela Zuccarello
Direttrice Galleria d'Arte "Pippo Giuffrida"

"Il cerchio delle donne": quello che non lancia parole al vento

Il cerchio delle donneTorna venerdì 12 maggio, alle 18,30, allo Stabilimento Monaco, “Il cerchio delle donne”: quello che non lancia parole al vento.
Da anni, ormai associazioni, scuole, comune, si mobilitano, insieme, per Fare Comunità e AVER CURA delle persone e dei luoghi, in intimità con la Storia, nello smontare stereotipi, nel fare uscire le donne dall’invisibilità della storia e contro le violenze/discriminazioni di genere. I progetti sono seguiti, fino al loro compimento. locandina

Per "Il Cerchio delle donne"
Josè Calabrò

Pagine

Abbonamento a Cultura