Scuole a Misterbianco: Iscrizioni in leggerissima crescita, in aumento anche i diversamente abili

Versione stampabileVersione stampabile

Scuola MisterbiancoIniziato il nuovo anno, con orario a regime dalla seconda settimana, risulta in leggerissimo aumento (27 unità) la popolazione scolastica complessiva a Misterbianco, con alcuni iscritti anche da Comuni vicini, capoluogo compreso.

Rispetto all’anno scolastico precedente, sono aumentati da 6098 a 6125 gli alunni iscritti presso i 6 Istituti comprensivi statali del territorio (3 nel centro storico, 3 nelle frazioni), così suddivisi:1549, cioè 50 in più, nella scuola dell’infanzia (materna), 2826, cioè 25 in meno, nella primaria (elementare) e 1750, due in più, nella secondaria di primo grado (media). Il Centro registra in totale 3226 alunni (erano 3191 l’anno prima), 327 in più rispetto alle frazioni (con 2899 iscritti, 8 in meno dell’anno scorso) dove però è ancora il Leonardo Sciascia (con 1241 alunni, sia pure in calo rispetto ai 1272 precedenti) l’Istituto con il maggior numero di iscritti nel Comune.

Gli iscritti nei 3 Istituti del Centro sono così suddivisi: 721 nella scuola d’infanzia, 1485 nella primaria e 1020 nella secondaria. Al Centro, come lo scorso anno scolastico, è alla Gabelli il maggior numero di alunni iscritti in assoluto (1146, contro i 1083 della Pitagora e i 997 del Leonardo da Vinci), così come nella scuola primaria (555) e secondaria (364); alla Pitagora invece, come l’anno scorso, quello degli iscritti alla scuola di infanzia (297). Al Leonardo da Vinci si registra un incremento ulteriore complessivo di 54 iscritti, e di 16 alunni alla Pitagora, contro un ulteriore calo di 36 unità invece alla Gabelli.

Nelle frazioni, il totale complessivo degli alunni iscritti è di 2899 – appena 8 in meno rispetto ai 2907 dello scorso anno - di cui 828 nell’infanzia, 1341 nella primaria e 730 nella secondaria. Ancora all’Istituto Leonardo Sciascia, come già detto, il maggior numero di iscritti (1241); con un calo di 31 alunni allo Sciascia, e un incremento di 8 alla Padre Pio (1040) e di 15 alla Don Milani (618).

E’ aumentato di ben 45 unità il numero degli alunni “diversamente abili” del territorio, bisognevoli di insegnanti di sostegno, che dai 255 dello scorso anno sono ora complessivamente 290 (32 nell’infanzia, 154 nella primaria e 104 nella secondaria), di cui 132 al Centro e 158 nelle frazioni. Il maggior numero di soggetti svantaggiati (61) si registra presso l’Istituto Leonardo Sciascia, poi 58 alla Pitagora. Ci si augura che arrivino le giuste e tempestive soluzioni in termini di insegnanti di sostegno, dalle competenti Autorità scolastiche per un servizio vitale che come noto è anche un problema nazionale.

Anche sulle scuole, nel frattempo, si registrano le immancabili polemiche, in questo caso sui lavori effettuati o meno sui vari plessi, su ciò che è stato fatto e come, e su ciò che manca. Mentre l’amministrazione comunale ha annunciato orgogliosa il regolare avvio delle lezioni in tutti gli Istituti, nonostante alcuni problemi insorti, il gruppo di opposizione “Guardiamo avanti” torna alla carica parlando di “pasticci”, “assenza di regole” e “carenza di programmazione”, e postando anche un video sui social a proposito del cantiere di lavoro sospeso sul plesso dell’Infanzia di via Galimberti (dopo un’ispezione alla Ditta appaltatrice) e sul conseguente spostamento provvisorio degli alunni, nonché dei lavori nel plesso di Belsito. Accuse che l’amministrazione rigetta come “volgari speculazioni”.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
14/09/2018

tags: