Nella Sicilia che "fallisce", dal Comune di Misterbianco notizie rassicuranti sui conti

Versione stampabileVersione stampabile

Sede comune - MisterbiancoNella Sicilia che “fallisce”, dopo gli ultimi casi recenti e clamorosi, l’allarme “default” è diffuso. Registrati una settantina di Comuni siciliani in forte sofferenza (tra dissesto, pre-dissesto e piani di riequilibrio finanziario) ma c’è chi calcola in circa 150 su 390 quelli che rischiano il dissesto a causa della costante e notevole riduzione dei trasferimenti statali e regionali (il 60%, questi ultimi, fra il 2011 e il 2017).

Il Fondo regionale per le Autonomie locali – cioè i fondi che la Regione eroga ai Comuni dell’Isola - è passato da 940 milioni di euro all’anno del 2008 a 283 milioni di euro nel 2017. Come se non bastasse, in sede di redazione dei bilanci regionali e di assestamento vengono spesso operati nuovi tagli “in corso d’opera”, che aumentano ulteriormente le difficoltà finanziarie degli Enti locali, con serie conseguenze anche sui servizi essenziali. Una prassi da cambiare, per evitare il peggio, come denunciato dall'Anci siciliana alla Regione.

I recenti “dissesti” dichiarati dai Comuni “in profondo rosso” (per ultimo Giarre) o sanciti dalla Corte dei conti (come nel caso eclatante di Catania) preoccupano inevitabilmente cittadini e imprese su cui ricadono le conseguenze di eventuali “fallimenti”. In pieno allarme diffuso, dal Comune di Misterbianco provengono però notizie oggi rassicuranti.
Il sindaco Nino Di Guardo: «Avevamo ereditato a suo tempo una situazione quasi disastrosa, col Comune che aveva sforato due volte il Patto di stabilità ed aveva sospeso il Carnevale, i trasporti urbani, l’asilo nido. Dall’emergenza, ci siamo rimboccati le maniche e pian piano negli anni non solo abbiamo ripristinato tutto, ma anche realizzato numerose opere e servizi, dalle scuole tutte in locali comunali, ai 15 parchi gioco e 10 campetti di calcio, alla pista ciclabile omologata, alle piazze, a tante altre opere già previste. Stiamo lavorando con passione e oculatezza, assicurando una gestione sana tra mille difficoltà, derivanti dai vecchi debiti verso Simeo Ambiente o dai ridotti e incerti trasferimenti dallo Stato e dalla Regione. E devo ringraziare il personale di valore che ci assicura la migliore gestione, dall’Ufficio Tecnico alla Ragioneria, all’Ufficio Tributi, alla segreteria generale, ecc.».
Sul problema diffuso delle imposte inevase, il dott. Mario Coco, responsabile dell’Ufficio Tributi: «Ci reggiamo su entrate proprie. Ma senza alcuna patologia significativa. Non abbiamo particolari criticità nella riscossione dei tributi, contenute in termini fisiologici (a fronte di due condoni)».

La responsabile della Ragioneria, dott.ssa Rosanna Di Mulo, ci precisa lo stato di salute attuale dell’amministrazione economico-finanziaria: «I fondi statali ricevuti nel 2017 sono stati di 6milioni 333mila euro, quelli regionali sono passati da 1.373mila euro per servizi e 646 mila euro per investimenti del 2016 a 1.100 più 625 nel 2017. Il bilancio di previsione 2018 è stato approvato il 22 giugno scorso; il rendiconto consuntivo 2017, deliberato dalla Giunta e all’esame del prossimo Consiglio comunale, registra un avanzo di gestione e prevede circa 30 milioni per spesa corrente e quasi 5 milioni in conto capitale per investimenti. I 75 mutui in atto, molti vecchi e rinegoziati, ci costano ora 1.777mila euro annui. Al 31 dicembre scorso, il nostro indicatore di tempestività dei pagamenti verso fornitori è di 5,17 giorni, e non andiamo mai oltre i 30 giorni. Per quanto riguarda i crediti e residui attivi, l’Ufficio Tributi è impegnato nel recupero con la lotta all’evasione. Gli indicatori di bilancio sono complessivamente positivi, e anche i cd. “debiti fuori bilancio” sono sotto controllo. Finora quest’anno non siamo ricorsi ad alcuna anticipazione di tesoreria, e nessun rilievo fin qui ci è pervenuto dalla magistratura contabile. Attentissimi ai necessari equilibri di bilancio, tra le rigide norme e procedure, speriamo di poter continuare senza eccessivi problemi».

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
27/07/2018

tags: