L'ennesima "sfida" vinta da Raimondo Todaro

Versione stampabileVersione stampabile

Ciacci TodaroIl calore con cui Raimondo Todaro ("orgoglio misterbianchese") e Giovanni Ciacci sono stati attesi e accolti in un noto centro commerciale catanese confermano quanto il trentunenne artista misterbianchese sia amato più che mai dalla nostra gente, e come l’inedita e innovativa coppia rivelazione di “Ballando con le stelle” goda dell’affetto, della simpatia e dei consensi che non a caso l’avevano premiata quale migliore “coppia social”. Al festoso appuntamento etneo c’erano grandi, piccoli e famiglie; di ogni età, condizione e fascia sociale.

Ne sono ovviamente e visibilmente soddisfatti i due, intervistati prima del loro abbraccio ai tantissimi fans con foto, autografi, selfie. Perché sono state una scommessa e una sfida vinte, non tanto sul piano della competizione quanto su quello culturale e sociale: «Ci conoscevamo da prima – ci dice Raimondo - e siamo stati felicissimi di essere stati abbinati da Milly Carlucci. Dopo 12 partecipazioni al programma, ero alla ricerca di nuovi stimoli, ero disponibile al rischio e ne è venuta fuori un’esperienza arricchente sotto molti aspetti. E “Giò Giò” è davvero straordinario».

L’eccentrico e “pungente” Giovanni Ciacci sottolinea il “messaggio” che si è voluto lanciare con la “same sex dance”, il ballo tra persone dello stesso sesso finora ignorato nelle tv di tutto il mondo: «Ci hanno seguito con forte interesse anche dagli Usa, ora ce lo copieranno dovunque, e ne siamo fieri. Non era solo una “provocazione”, ma una proposta coraggiosa e innovativa volta a superare pregiudizi, visioni e stereotipi di genere e a cambiare la mentalità degli italiani. Ci siamo riusciti, e nonostante le difficoltà con la giuria, il pubblico da casa ha sancito il pieno successo dell’iniziativa. Qualcuno aveva perfino avanzato la becera supposizione che il sicilianissimo Raimondo potesse perdere consensi tra la propria gente spendendosi in simili performaces artistiche mai viste, ma i fatti parlano chiaro, e anche il meridione che si tacciava di “arretratezza” ha fatto propria e vinto la sfida. Grazie a Raimondo, grandissima persona oltre che artista e istruttore, non potevo chiedere di meglio».

Se Raimondo Todaro era già nel cuore di tutti, ed oltre al ballo si esibisce da attore e perfino cantante (come lo vedremo nel divertente musical “Save the cottons” in programma a Catania il 7 giugno prossimo), con lui l’estroso costumista e stilista Ciacci ha ora indubbiamente moltiplicato la propria popolarità e il successo mediatico. E quando chiediamo ai due, consolidatasi la loro bella amicizia, se ci sono da aspettarsi programmi artistici in comune, ci rispondono subito: «Aspettatevi presto belle sorprese, forse prima di quanto pensiate».

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
30/05/2018

tags: