La vergogna di Via delle Oasi!

Versione stampabileVersione stampabile

Microdiscarica MisterbiancoOrmai da mesi, Via della Oasi, strada di collegamento tra la provinciale per San Giovanni Galermo e Via dei Ciclamini nel cuore del popoloso quartiere di Belsito, si è trasformata in una discarica a cielo aperto! Cumuli di rifiuti di vario genere giacciono accatastati su una parte della carreggiata restituendo a residenti e passanti uno spettacolo indecoroso.

Ho segnalato al comune lo stato vergognoso in cui versa la strada lo scorso 12 gennaio attraverso la pagina Facebook istituzionale e qualche giorno dopo (il 18 gennaio) ho presentato per iscritto analoga richiesta di intervento al protocollo generale del comune.

Dopo un mese, tutto è rimasto com’era! Nessun intervento è stato è stato realizzato ed anzi i cumuli di rifiuti sono aumentati. Perché nessuno si muove? E’ appena il caso di ricordare quanto previsto testualmente dall’articolo 10 del capitolato speciale d’appalto sulla base del quale, con apposita gara, è stata affidata alla Dusty la gestione del servizio di raccolta nell’Aro di Misterbianco per 7 anni: “Verranno eliminate le discariche abusive presenti nel perimetro urbano (sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico e nelle loro immediate vicinanze), costituite da rifiuti solidi urbani o assimilabili, qualunque sia la loro dimensione, giacitura ed accessibilità, con cadenza di due volte la settimana, ed in ogni caso con una frequenza d’intervento tale da evitare la giacenza di rifiuti su suolo pubblico.

Il servizio sarà svolto sia su segnalazione del Comune sia degli addetti dell’impresa appaltatrice durante l’espletamento degli altri servizi di cui al presente Capitolato Qualora fosse l’impresa appaltatrice a rinvenire i rifiuti, la stessa dovrà darne comunicazione al Direttore dell’esecuzione del contratto. Nel caso di segnalazione scritta effettuata dal Direttore dell’esecuzione del contratto la pulizia dovrà essere effettuata entro 2 (due) giorni lavorativi dal ricevimento della stessa. Il servizio deve essere necessariamente completato con pulizia manuale dei luoghi per la finitura dello stesso. Se tale finitura non verrà eseguita, con riferimento particolare ai materiali inerti, la discarica abusiva non si intenderà rimossa con conseguente possibilità di contestazione di disservizio. (…). Quando necessario, potrà essere richiesta dall’Amministrazione l’esecuzione ulteriore di interventi di rimozione delle micro discariche”.

L’attività di rimozione delle micro discariche è dunque una prestazione già prevista e già compresa nel costo totale del servizio di gestione dei rifiuti pagato dai cittadini (tutti, compresi quelli di Belsito) attraverso la T.A.R.I.. Perché dunque nulla si fa e tutto resta com’è? Dobbiamo rassegnarci al degrado delle zone più periferiche?

Il silenzio e l’immobilismo dell’amministrazione comunale sono inspiegabili e sconcertanti! Torniamo dunque a chiedere, dalla tribuna dei media locali, un celere intervento di rimozione dei cumuli di rifiuti e di ripulitura dell’area. Il decoro urbano, la pulizia delle strade, il diritto a vivere in un ambiente salubre, sono obiettivi che devono valere per tutto il territorio e non solo per una parte.

Massimo La Piana

tags: