Il Comune di Misterbianco avvia l'iter per il riconoscimento del titolo di Città

Versione stampabileVersione stampabile

Comune di MisterbiancoCOMUNICATO STAMPA del 11 luglio 2018
La giunta comunale di Misterbianco guidata da Nino Di Guardo ha compiuto il primo passo affinché il comune etneo ottenga il titolo di Città. La procedura è prevista dall'art. 18 del Decreto Legislativo n. 267 del 18 agosto del 2000 che prevede la concessione da parte del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministero dell’Interno, ai Comuni insigni per ricordi, monumenti storici e per l’attuale importanza.

La Giunta del comune, varando un proprio atto deliberativo, che evidenzia che il Comune di Misterbianco “alla luce del suo trascorso storico e dei suoi monumenti, oggi conta una popolazione di 50.000 abitanti ed è da tempo il secondo comune più importante, anche per popolazione residente, della Città metropolitana di Catania, dopo Catania, grazie anche alla sua vasta area commerciale” avvia la procedura alla quale allega una relazione di oltre dieci cartelle dove ripercorre la storia e lo sviluppo del comune, sia dal punto di vista demografico, che territoriale, economico, storico e sociale, diventando il primo comune del sud ad ospitare anche una linea metropolitana con tre stazioni all'interno del proprio territorio previste dal progetto della FCE di cui il primo chilometro già realizzato.

“Abbiamo tutte le carte in regola per richiedere al sig. Presidente della Repubblica – ha detto il sindaco Di Guardo – il riconoscimento del titolo di Città. La nostra storia, la determinazione di voler rinascere dopo l'eruzione lavica, il nostro sviluppo costante nel tempo, sia sociale che economico, ci hanno spinto a richiedere il riconoscimento del titolo, così come ogni capoluogo di provincia, che certamente influirà positivamente nel rilancio del nostro territorio e delle sue aziende che vi operano oltre alla popolazione residente.”

L'atto deliberativo della giunta, con l'allegata relazione di supporto, reso immediatamente esecutivo, adesso passerà all'esame del Consiglio Comunale e successivamente sarà presentato al Prefetto di Catania per l'avvio dell'iter.

Ufficio stampa
Carmelo Santonocito
O.G.S. n. 55236

tags: